lunedì 17 novembre 2014

Love Song

Se siete di quelli che partecipano al Gay Pride ed a manifestazioni simili questo libro non vi rivelerà niente che già non sappiate, e quindi potete anche non leggerlo (anche se è una lettura piacevole)

Se siete di quelli che "Gay è anornalità" e  "La famiglia è solo quella naturale composta da un uomo ed una donna" probabilmente è inutile consigliarvene la lettura, lo abbandonereste dopo le prime pagine, ammesso che abbiate il coraggio di compralo senza la paura di restare contagiati.

Ma se siete di  quelli, la maggior parte degli italiani, che non ha le idee chiare, che dicono "io non ho niente contro gli omosessuali, anzi, è giusto che siano come noi, ed infatti non sono mica discriminati" oppure "io ho tanti amici gay, ma nessuno di loro  vuole sposarsi, quindi non capisco proprio tutto questo rumore per ottenere i matrimoni omosessuali", allora questo libro può aiutarvi a farvi qualche domanda in più e può suggerirvi qualche risposta.



Federico Novaro è uno dei due uomini che sono saliti sul palco del Festival di Sanremo nel 2013 per raccontare, solo con dei cartelli, la loro storia d'amore. Il libro non è semplicemente il racconto della loro storia, ma contiene una serie di considerazioni molto interessanti. Nonostante sia una via di mezzo tra un diario ed un saggio, si legge in maniera piacevole e, come ho scritto sopra, può aiutare a capire qualcosa in più sulle motivazioni del movimento LGBT.

8 commenti:

  1. Mi interessa molto. Penso sarà il mio prossimo acquisto :-) Grazie della segnalazione :-)

    RispondiElimina
  2. Forse non mi dirà niente di nuovo, ma mi piace il fatto di essermi imbattuta in un titolo LGBT perchè incuriosita dal titolo del post. Mi sono detta "ma la gente ancora crede alle canzoni d'amore?". Evidentemente sì. E fa bene ;)

    ps. mi piace il tuo "scrivo per sentirmi vivo". Lo condivido.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se c'è gente che crede ancora a Berlusconi, Renzi e Grillo, ci può ben essere anche gente che crede alla canzoni d'amore!

      p.s. grazie :-)

      Elimina
  3. ho troppi libri da leggere... sigh

    RispondiElimina
  4. L'anno scorso un amico gay mi ha invitato al gay pride. Non ci sono andata perché avevo altri impegni ma pare sia un evento molto divertente, al di là del messaggio che vuole trasmettere.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello di Romas (che è quello che conosco) è divertente e partecipato

      Elimina