giovedì 30 ottobre 2014

I due volti di Gennaio

Non è un periodo felice per le mie frequentazioni cinefile, lo conferma questo film appena uscito nelle sale, che pure è la trasposizione di un libro di Patricia Highsmith, si avvale di un buon cast su cui primeggi Viggo Mortensen e ricostruisce molto bene l'aria dei primi anni '60 in Grecia. Ma tutto questo non basta: la trama dopo un buon inizio vira su aspetti psicologici che però non vengono abbastanza approfonditi e delineati, il comportamento del protagonista è illogico e poco credibile, l'ultima mezz'ora la ricordo solo per le stupende inquadrature del Gran Bazar di Istanbul e delle moschee viste dal ponte sul Bosforo che fanno venir voglia di tornare a visitarla..

 
Il finale è anche deludentemente scontato , e lascia ampiamente insoddisfatti. In breve, un altro film da andare a vedere solo con poche aspettative, se non si ha nient'altro di meglio da fare   

6 commenti:

  1. L'ho evitato infatti, non mi convinceva. Adesso mi confermi la mia prima impressione.

    Un abbraccione

    RispondiElimina
  2. ero in dubbio e grazie a te adesso so che lo devo evitare... meno male
    il trailer non mi aveva convinto

    RispondiElimina
  3. Peccato..Viggo è sempre un bel guardare....

    RispondiElimina