giovedì 21 agosto 2014

Ara Pacis

Ebbene si, c'ero anch'io in fila martedì scorso, per fare il biglietto ed ammirare da vicino lo spettacolo dell'Ara Pacis di sera con i marmi colorati (grazie ad una speciale illuminazione) così come dovevano essere all'epoca di Augusto. 

Si perchè ai tempi dei romani le statue non erano bianche, come le vediamo noi oggi, ma dipinte, e lo era anche l'Ara Pacis, ovvero l'altare della pace che Augusto volle far costruire al termine delle vittorie conseguite al di là delle Alpi tra il 16 ed il 13 a.C. e che fu inaugurato il 30 gennaio del 9 a.C.

La colorazione, definita attraverso analisi di laboratorio e studi sull'uso del colore  in quel periodo, riguardava solo i bassorilievi del lato ovest del monumento (quelli relativi d Enea ed al Lupercale) e del lato est, ed era effettivamente impressionante.

(foro scaricata da WEB)

Il successo del pubblico è stato tale che lo spettacolo, che doveva costituire  un evento unico, verrà replicato nelle prossime settimane, il venerdì ed il sabato, sempre dalla 21 alle 24, per cui  chi è interessato può ancora ammirarlo. 

Nel caso, vi consiglio di andarci molto presto, per avere il tempo di ammirare anche la interessantissima mostra "L'arte del comando. L'eredità di Augusto" e, nel caso fosse la vostra prima visita al monumento (vergogna!!!) per apprenderne la storia grazie agli ausili multimediali presenti nel museo

9 commenti:

  1. L'Ara Pacis deve essere stupenda, mi vergogno di mancarci da qualche decennio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bè si ... dovresti vergognarti :-), tra l'altro la sua storia è affascinante (e, pochi lo sanno, quella attuale non è la sua posizione originaria)

      Elimina
  2. Non ho mai avuto occasione di visitarla... spero di poterlo fare davvero.
    Buon sabato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu almeno sei giustificata dalla distanza, ma prima poi verrai, o tornerai, a Roma, no? :-)

      Elimina
  3. grazie per gli input.. ehm sì, il vergogna è meritato.. sai la cosa 'vado a vederlo prima o poi'.. :)
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, lo so come è ... è un male che affligge un po' tutti, ma contro il quale si può combattere un po' :-)

      Elimina
  4. Pare siano tante le "cose" che a Roma si trovavano in altri posti e poi siano state spostate...A me interessa più la mostra. Ho letto qualche riferimento su facebook e non so,l'ara pacis colorata non mi attira molto. Ma la mostra sì. Vedremo..magari riesco a esser a Roma in una di quelle date..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e comunque la mostra dura ancora a lungo, e l'Ara Pacis ormai è lì, sempre visitabile anche se solo in bianco e nero (soprattutto bianco :-)

      Elimina
  5. Ci sono sempre mostre interessanti lì... e un bel bookshop. poi le fontane davanti dove ti puoi sedere a prendere il fresco...che bella città !

    RispondiElimina