martedì 8 luglio 2014

La fontanella

Per sfuggire al caldo opprimente cerchiamo ristoro nel fresco del parco, e passeggiando all’ombra delle querce individuo un angolo da cui proviene un rumore di acqua corrente. Inevitabile dirigersi in quella direzione e raggiungere il  piccolo cumulo di pietre che circonda una piccola vasca alimentata da una fontanella. Mi siedo  sul bordo della vasca, tolgo  i sandali ed immergo i piedi nell’acqua gelida, lasciandoli a lungo a mollo, mentre lui si accomoda poco distante da me, sorridendomi. Quando il freddo ai piedi comincia a farsi sentire, li sollevo e li appoggio sul bordo della vasca, proprio dove è seduto lui 

(foto scaricata dal WEB)


Con una incredibile naturalezza, le sue mani asciugano le mie estremità frizionandole per riattivare la circolazione, e poi continuano  a lungo a massaggiarmi i piedi. Che dire, è semplicemente piacevole sentire le sue dita scivolare sulla mia pelle, e cogliere sul suo viso una passione ed un' attrazione non comune. Così non mi stupisco quando, prendendo con delicatezza un piede tra le sue mani, lo solleva e lo bacia, strappandomi un fremito di piacere. Il primo di una lunga serie.


(foto scaricata dal WEB)

8 commenti:

  1. Risposte
    1. come posso disconoscere la valenza erotica di un bel piede?

      Elimina
  2. Risposte
    1. io? al limite lo è il tipo di cui la tipa racconta

      Elimina
    2. Mmmm...peccato..pensavo fossi tu.. :-(

      Elimina
  3. c'era anche una scena molto intrigante sull'erotismo dei piedi...mi sembra che fosse nel film L'ultimo imperatore ? erano due donne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. interessante...non lo ricordo come film.. :-)

      Elimina