mercoledì 4 giugno 2014

Ci vediamo fuori

“Ci vediamo Fuori” è lo slogan del Gay Pride che il 7 giugno sfilerà a Roma. "Fuori", come il Fronte Unitario Omosessuale Rivoluzionario Italiano, l'associazione che negli anni Settanta si batteva per i diritti civili. Fuori, come quando ci si mette la faccia facendo coming out.

Io come ogni anno il 7 giugno sarò in piazza (ma non vi fidate dell'orario scritto qui sotto, il corteo partirà non prima delle 16.30-17 ... e meno male, che con il caldo che farà alla mia età rischio un coccolone) affianco ad amici, genitori e bambini, in quella che sarà soprattutto una festa


E dopo tanti anni, pare che ci sarà perfino il sindaco di Roma.

23 commenti:

  1. Risposte
    1. per dei veri amici, e per una giusta causa, questo ed altro.

      Elimina
  2. Io non parteciperei.
    Tranne se facessero venire Madonna al concerto.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rispetto la tua opinione, ma avrei preferito la motivassi

      Elimina
    2. Semplice: sono egoista, e qualora fossi omosessuale mi batterei per migliorare la MIA condizione (nel mio palazzo, quartiere, paese), non quella di gente che nemmeno conosco a cui mi legherebbe solo un gusto... come dire che difendo i diritti di tutti gli amanti della pizza diavola ;)
      Ma che ero snob e classista lo sapevi già :p

      Moz-

      Elimina
    3. si lo sapevo, ma sai, uno spera sempre che la folgorazione sulla strada di damasco non resti un episodio isolato!

      Elimina
    4. Ahah, no, la stronzaggine per me è perenne. Anche se devo dire che il mio egoismo mi porta sempre ad essere VERAMENTE altruista: se sto bene io, riesco a far star bene almeno chi mi sta intorno. Ovvio che non posso pensare alle grandi masse (che comunque detesto, io disprezzo apertamente la massa) ma almeno a chi mi vuole bene sì :)

      Moz-

      Elimina
  3. Penso che parteciperò anche io, per i tuoi stessi motivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora ci vediamo lì :-)

      Elimina
    2. Magari, sarebbe l'occasione giusta per conoscerci!

      Elimina
    3. ok :-) io sarò sicuramente vestito con jeans ed una polo ... ma temo che saremo in tanti vestiti così :-)

      E comunque la bolgia del pride non mi sembra proprio l'occasione giusta :-) ... comunque io ci sarò :-)

      Elimina
    4. Allora incontriamoci per un gelato uno di questi giorni.

      Elimina
    5. come testimoniano anche alcuni post passati, io non mi sono mai tirato indietro per un gelato o (in inverno) per un the, anche se è capitato che ci volesse un po' di tempo per organizzarmi. Quindi quando vuoi :-), ci sono giusto un paio di nuove gelaterie che vorrei visitare

      Elimina
  4. Io non sono molto pro Pride, per svariate ragioni, ma aspetto un resoconto magari :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il resoconto lo farò di certo, ma mi piacerebbe conoscere le tue ragioni di non essere pro Pride

      Elimina
    2. Perché ritengo non abbiano efficacia ai fini della causa, che se lo vogliamo considerare una festa ci sta, ma non vedo nulla a che fare con l'attivismo e con ciò che ha di bisogno il nostro paese: cultura.
      Mi spiace spammare, ma mi son spiegato bene in questo post http://pier-ef-fect.blogspot.it/2013/07/pride-and-prejudice.html se ti va di leggerlo!

      Elimina
    3. Letto ma non concordo ovviamente. Si fa politica anche con il pride, ovviamente non solo con il pride, e se un giorno potrai (come mi auguro) sposare il tuo amore, lo dovrai anche a quelli che sabato sfileranno per le vie di roma.

      Elimina
    4. Premesso che non ho letto il post di Pier, penso che il Pride danneggi la causa quando assomiglia al carnevale, mentre la aiuta quando spinge sui diritti. Io ci andrò perché da etero ritengo che un Paese che garantisce i diritti sia un Paese dove si meglio e che quindi questo aspetti riguardi anche me.

      Elimina
    5. Il gay pride è anche una festa, ma è soprattutto un modo di chiedere diritti, disconoscerne il valore politico secondo me è come disconoscere il valore dei cortei di protesta che quasi giornalmente attraversano Roma. Poi si può non partecipare ai cortei di protesta, ovviamente.

      Elimina
  5. Bello lo slogan e bella l'iniziativa, come sempre. Vivessi a Roma ci andrei anche io, assieme e per tutti i miei splendidi amici ingiustamente discriminati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti spavcenti di andare a cuba e ti spaventa un viaggio a Roma? :-) scherzo, ma guarda che ci saranno tanti pride sparsi per l'italia nel mese di giugno

      Elimina