lunedì 12 maggio 2014

Fuoristrada

No, nessun problema, non sono andato fuoristrada io (che poi, con la mia guida iperprudente da old, o da superbradipo come dice qualcuno, sarebbe veramente difficile), il titolo del post è preso da quello di un film che ho visto recentemente, anzi un docu-film, come si dice adesso, ovvero la ricostruzione di una storia attraverso le voci (ed i volti) dei veri protagonisti. Una storia che poteva benissimo far parte di quelle illustrate da Risi nel suo Sacro GRA, una storia tanto incredibile quanto normale.

Per una volta parlerò della storia, una storia d'amore tra Beatrice e Marianna, culminata con il loro matrimonio con rito civile in comune. Marianna è una sarta rumena, con un figlio piccolo, che è venuta in Italia a fare da badante alla madre di Beatrice. Beatrice è un personaggio particolare: meccanico, appassionato di corse con fuoristrada (da cui il titolo) che però all'anagrafe si chiama Pino. Pino non si sentiva a suoi agio in abiti maschili, così ad un certo punto ha deciso di diventare Beatrice, utilizzando solo degli ormoni ma senza operarsi e senza cambiare dati all'anagrafe. Un  giorno si è innamorato di Marianna, e lei lo ha ricambiato, ha fatto venire in italia il figlio e si sono sposati (per la legge Pino/Beatrice è uomo e quindi ha potuto sposare civilmente Marianna), ed ora sono una famiglia. Una famiglia umile, ma unita, in cui non c'è militanza politica, ostentazione o altro, ma solo uno stare bene di fatto fregandosene di tutto il resto.


La cosa più bella del film è che Beatrice continua a fare il meccanico (è brava), ma sotto la tuta sporca di grasso porta vestiti femminili, continua a partecipare alla gare fuoristrada rispettato dai suoi amici di sempre che riconoscono in lui, nonostante i suoi cambiamenti, una brava persona che ha avuto il coraggio di essere quello che sentiva di essere. Perchè spesso la gente ha meno pregiudizi e più umanità di quello che alcuni soloni vorrebbero farci credere.

9 commenti:

  1. Tempo fa mi tamponò un carrozziere con trucco, smalto e rossetto... troppo forte.. cercavo di fare il sostenuto ma già immaginavo il racconto: ieri un travestito mi ha preso da dietro...

    RispondiElimina
  2. grazie....una storia da vedere e da sentire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo danno solo in due cinema di roma, credo

      Elimina
  3. ma perché hai raccontato quasi tutto ?!!? rovini tutte l'attesa, accidenti !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho detto niente che possa diminuire il piacere di vederlo, credimi

      Elimina
  4. Ah beh, io mica ho letto il tuo commento..ah ah!! Non mi faccio rovinare la visione dal tuo racconto minuzioso...però guarda, mi fido, mi voglio fidare!!! Andrò a vederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se hai visto Sacro GRA e ti è piaciuto, allora ti piacerà!

      Elimina