lunedì 27 gennaio 2014

Il giorno della memoria

69 anni fa, il 27 febbraio 1945, le truppe sovietiche dell'Armata Rossa entravano nel campo di concentramento di Auschwitz.

Dopo tutti questi anni, è bene non dimenticare quello che successe in quello ed altri campi di concentramento, e ricordare le vittime del nazismo e dell' Olocausto da questi pianificato e messo in atto.

Non solo Ebrei (che furono comunque il popolo che più subì deportazioni e morti), ma anche omosessuali, lesbiche, rom, sinti, testimoni di Geova e diversamente abili. Tutti accomunati in unico tragico destino, tutti vittime di discriminazione in quanto "diversi". Tutti vanno ricordati perchè una simile tragedia non si ripeta


10 commenti:

  1. Un pensiero alle vittime di ogni lager, di ogni epoca.

    Moz-

    RispondiElimina
  2. L'importante credo sia non pensarci solo un giorno all'anno ...

    RispondiElimina
  3. L'uomo che dimentica il proprio passato, è destinato a riviverlo. Certi negazionanisti idioti mi fanno solo una profonda pena. Perché lo rivivranno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. negare al di là di ogni ragionevolezza evidentemente è il loro solo modo di vivere :-(

      Elimina
  4. Speriamo serva non dimenticare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi permetti di non essere proprio ottimista? :-(

      Elimina