venerdì 29 novembre 2013

Santa Passera!

No, non ho cambiato le regole del mio blog che non prevedono parolacce o esclamazioni di dubbio gusto, è che voglio parlarvi della chiesa di Santa Passera. Finalmente la Chiesa ha capito che la sessualità non è un peccato ma anzi va glorificata, starete pensando  ... purtroppo no, mi spiace disilludervi ma non esiste una santa di nome "Passera" nell'elenco ufficiale dei santi, anche se ci sono molti seguaci ed adoratori della stessa (anche io, d'altronde ...) 

In realtà, come per San Cosimato (altro santo che non esiste ma a cui è dedicata una chiesa in trastevere), secondo alcuni studiosi il nome deriverebbe da Abbas Cirus (Padre Ciro) in quanto nella chiesa sarebbero stati seppelliti i resti di due martiri cristiani, Ciro appunto (un medico) e Giovanni (soldato e discepolo di Ciro), crocifissi e decapitati in Egitto durante la persecuzione di Diocleziano. Nel tempo il nome avrebbe subito alcune varianti: Abbaciro, Appaciro, Appacero, Pacero, Pacera ed infine Passera. Originariamente posizionata in piena campagna, ora è invece parte del tessuto cittadino, e conserva il suo fascino nonostante l'aspetto dimesso ed un po' abbandonato.


La chiesa, molto semplice nella sua struttura ad aula singola, doveva essere in passato riccamente decorata, ma di queste pitture restano ormai poche tracce riconducibili al medioevo ma anche ad epoche precedenti, anche se non è noto il preciso periodo in cui è stata costruita. Le testimonianze scritte più antiche risalgono al VIII secolo anche se la leggenda dice che le reliquie dei due martiri furono portate a Roma nel V secolo e seppellite sotto il pavimento di una chiesetta di campagna di proprietà di una ricca vedova di nome Teodora (reliquie che in teoria sono ancora  lì, non essendo noto il luogo esatto in cui sarebbero state sotterrate). 

Sotto la chiesa, che è sopraelevata e a cui si accede attraverso un coppia simmetrica di scalinate, c'è una cripta, anche essa in condizioni disastrose, e sotto ancora un ambiente ipogeo, chiaramente un sepolcro di epoca romana, datato intorno al III secolo, costruito a circa 3 miglia dalle porte della città, nel rispetto delle leggi funerarie del tempo.

Un dei tanti posti interessanti di Roma che meritano una visita.

16 commenti:

  1. Non ne avevo mai sentito parlare.
    Sono un bravo bambino, io :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho qualche difficoltà a crederti :-)

      Elimina
  2. Non c'hai detto dov'è.. al Portuense, zona Magliana... ma sai quante chiese mancano ancora a noi "romani de Roma"... grazie per la dritta... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di chiese ne mancano tante, molte interessantissime

      Elimina
  3. Non mi piacciono le chiese. ho gia' dato. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacciono solo per la componente artistica, molte chiese ospitano splendidi capolavori

      Elimina
  4. A vederla così non sembra neppure una chiesa..
    Resti sotterrati..le chiese,tutte quelle molto vecchie,ne son piene...brrr

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. si trova proprio all'inizio di via della magliana, praticamente a poche centinaia di metri da piazza meucci

      Elimina
  6. serve a far sorridere gli amici, quando ricevono la cartolina che gli invii con la foto della targa stradale...via di Santa Passera, appunto ! che poi mi sembra anche beneaugurale ...

    RispondiElimina
  7. ma esattamente dove si trova?... non mi pare di averla mai vista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eppure sono certo che ci sei passata vicino un sacco di volte. Imboccando Via della magliana da piazza meucci sulla sinistra, prima di arrivare ai palazzoni del quartiere omonimo

      Elimina
  8. scompare, tra quei palazzi...a piazza meucci ci sono passata decine di volte, ci passavo regolarmente, qualche anno fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io, ma solo recentemente ho notato quella chiesetta sulla sinistra, praticamente lungo le sponde del Tevere

      Elimina