giovedì 31 ottobre 2013

Una piccola storia

Francesco Guccini cantava "Una piccola storia ignobile, vi voglio raccontare ...", ed io mi adeguo, parlando di una cosa che, nel suo piccolo, mi ha dato molto fastidio e mi ha fatto pensare ancora una volta alla profondità de "La fattoria degli animali" scritta da Orwell  nel 1945 ma ancora attuale (d'altronde, Orwell è anche l'autore di 1984) con il suo: "gli animali sono tutti uguali ma alcuni sono più uguali degli altri".

(Bandiera della Fattoria degli animali, scaricata da WEB)

Capita, se si commettono dei reati (vero Silvio?) che prima o poi si possa essere scoperti, indagati e perfino sottoposti a misure di carcerazione preventiva. Capita che, per chi è abituato ad essere libero, la prigione si riveli un inferno. Capita che in prigione si stia male e si rischi di cadere in depressione o peggio (ed a me viene in mente per esempio il caso Cucchi).

Non capita, o meglio non capita spesso, che con estrema solerzia ed in maniera spontanea lo psicologo del carcere invii una comunicazione formale al Pubblico Ministero per segnalare lo stato di depressione di un detenuto e certificare che le sue condizioni di salute sono incompatibili con il carcere (cosa che, viste anche le condizioni di vita in un carcere, temo si applichi ad una alta percentuale della popolazione carceraria). Comunicazione formale che obbliga il PM a nominare un medico legale che, accertato l'effettivo disagio del detenuto, fa in modo che in pochi giorni gli vengano concessi gli arresti domiciliari. Evidentemente, anche  i detenuti in attesa di giudizio sono tutti uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri.

(immagine scaricata da WEB)

8 commenti:

  1. Beh, mi pare logico che sia così... funziona così... purtroppo.
    Io sono più uguale.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già! Chissà se è un caso se Orwell ha scelto i "maiali" per caratterizzare quelli che sono più uguali degli altri ... :-)

      Elimina
  2. io non ne voglio parlare ... sono nauseata scusa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe stato bello non doverne parlare

      Elimina
  3. e si, 'capita' che in prigione si stia male.. e anche molto, anche al punto da non uscirne vivi... ma lorsignori evidentemente pensano che a loro non capiterà mai di andarci neanche se commettono reati (a meno che ovviamente non si abbiano sul telefonino certi numeri!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già ... ma per loro è tutto normale ...

      Elimina
  4. Ormai è una vera e propria costante. Che Paese di...

    RispondiElimina