lunedì 14 ottobre 2013

Sacro GRA

Vincitore del Leone d'Oro alla mostra di Venezia, il film (in realtà un documentario) prende spunto dal Grande Racconrdo Anulare di Roma per raccontare un po' dei microcosmi che intorno ai quei 70 km di asfalto si sono, nel tempo, creati. 


La mano del regista Gianfranco Rosi è salda, e rende godibili le piccole storie che vengono  fuori da una lunga indagine durata quasi 3 anni, le storie di personaggi incredibili come quella del nobile torinese decaduto, o del pescatore di anguille, o dell'attore di fotoromanzi. Il film scorre via piacevole, ed è un pregio non da poco, anche se la sensazione che ho ricavato è che il Leone d'Oro sia stato un riconoscimento esagerato rispetto al valore del film, che secondo me perde abbastanza di significato se ci si allontana da Roma, restando un film troppo legato ad una specifica realtà territoriale. In definitiva,film consigliato soprattutto ai romani!

10 commenti:

  1. ma guarda penso che non si tratti del "grande vecchio francesco rosi... questo è più giovane ed è diventato famoso dopo soli 5 documentari, non ha girato altri films... l'ho visto e non sapevo che gli ci fossero voluti ben 3 anni per girarlo tutto. l'avrei sicuramente voluto più lungo, quando è finito ci sono rimasta male, anche se il leone d'oro come film non gliel'avrei dato, penso... ho come la sensazione di deja-vu...forse molti documentari di seconda serata sulle reti rai avevano lo stesso spessore e qualità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cavoli che gaffe ... ho confuso Gianfranco con Francesco ... imperdonabile. devo modificare il post

      Elimina
    2. c'ero cascata anch'io... poi dalle foto mi sembrava troppo giovane, così ho guardato su wikipedia... in effetti ha fatto solo 5 documentari questo qui.. caro old. anche tu sei umano, dài !! e anche più simpatico...;-))

      Elimina
  2. effettivamente come non darti ragione...

    RispondiElimina
  3. Non l'ho visto quindi non posso esprimermi, ma... chissà, magari non sempre la territorialità può essere limitante! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un po' come dire che un documentario che racconta delle storie legate al Gran Sasso è meno interessante per chi quel territorio non lo conosce. Restano le storie che racconta ma si perde un "quid"

      Elimina
    2. beh anche se si perde un quid magari si acquista un quod, nel senso che se non lo conoscevo il gran sasso lo conoscerò dopo aver visto il docu. infatti vedo il docu proprio per conoscere qualcosa che non conosco...

      Elimina
  4. simpatica la locandina col punteruolo rosso !! ecco non tutti sanno che... le palme di roma sono state sterminate da un insettino tropicale ! che è un vero flagello di dio. ecco trovato il quod !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non solo a roma, in tutta italia il punteruolo rosso sta sterminando le palme, purtroppo.

      Elimina