mercoledì 23 ottobre 2013

Antonia Masanello


Alzi la mano chi ha mai sentito parlare di Antonia Masanello! Eppure è una eroina del Risorgimento Italiano. Ma quando si parla di quel periodo storico, i nomi che vengono in mente sono tutti maschili. Al massimo si cita Anita, la compagna di Garibaldi, mentre in pochi conoscono invece la donna di cui voglio parlarvi.

Figlia di contadini, fin da giovanissima insieme al suo futuro marito aiutò chi scappava dal regno astro-ungarico  per trovare rifugio in Piemonte, e quando seppe che Garibaldi stava organizzando una spedizione in Sicilia si recarono entrambi a Genova per arruolarsi. Quando arrivò a Genova il  "Piemonte" ed il "Lombardo" erano già partire verso Marsala, ma loro si imbarcarono poche settimane dopo con una spedizione di rinforzo e raggiunsero  i Mille a Salemi subito dopo la Battaglia di Calatafini. Lì Antonia si arruolò con il nome di Antonio Marinello (il cognome del marito di cui si finge il fratello)  e venne inquadrata nel terzo reggimento della Brigata Sacchi, facendosi tutta la campagna di liberazione del sud Italia.
(Immagine scaricata da WEB)

Quando tutto fu finito i piemontesi smobilitarono le camice rosse. Antonia conseguì i gradi di caporale e il “congedo con onore”  sempre come Antonio Marinello.  Lei e il marito tornarono a casa e  vissero in povertà finchè, colpita da tisi, la ragazza  morì nella primavera del 1862. Sepolta nel cimitero fiorentino di San Miniato, questo è il commovente epitaffio dettato dal poeta risorgimentale Francesco Dall’Ongaro :

“L’abbiam deposta, la Garibaldina
all’ombra della Torre di San Miniato
con la faccia rivolta alla marina
perché pensi a Venezia, al lido amato.
Era bionda, era bella, era piccina ma avea
cor di leone e di soldato.
E se non fosse che era donna
le spalline avria avute e non la gonna
e poserebbe sul funereo letto
con la medaglia del valor sul petto.
Ma che fa la medaglia e tutto il resto?
Pugnò con Garibaldi, e basti questo!"

8 commenti:

  1. Mai sentita, infatti. Certo che la Storia è stra-piena di personaggi interessanti, assurdi, strambi... Oo

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ogni tanto vengono fuori notizie strane e interessanti. a me è piaciuto molto l'epitaffio

      Elimina
  2. mi hai fatto emozionare...grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una delle tante storie misconosciute sulle donne

      Elimina
  3. Mai sentita. Un peccato che sui libri di scuola e su molti altri,si parli sempre e solo dei soliti. La mia prof di lettere e storia del liceo,non a caso, per rendere interessante la materia,andava cercando su libri,mediante viaggi,riviste specializzate,personaggi "secondari" o retroscena e curiosità. Così che non si conoscesse solo l'ormai trito e ritrito nome.
    L'epitaffio è carino.. Dovró trovar qualcuno che scrivi il mio...un giorno! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per l'epitaffio ci vuole qualcuno che conosca i tuoi pregi (ne avrai pure qualcuno, no ? :-) !!!!! )

      Elimina
  4. Che bella storia, non la conoscevo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bè, felice di averla diffusa un pò!

      Elimina