giovedì 25 luglio 2013

Castel Sant'Angelo

Inizialmente eratto come sepolcro dell'Imperato Adriano e la sua famiglia, invece di seguire la sorte decadent edi molti altri monumenti romani, questa costruzione diventò prima avamposto fortificato, poi carcere, quindi dimora rinascimentale per giungere, ancora abbastanza integro, fino ai giorni nostri.

(Immagine scaricata da WEB)

Visitarlo è sempre affascinante, ma visitarlo di sera, con il sole che cede il posto alla luna e l'oscurità che lentamente lo avvolge nel suo serale abbraccio lo è ancor di più. In questo periodo, per di più, all'ingresso serale sono abbinati dei concerti di musica classica ed operistica (solo in determinati giorni).

(Immagine scaricata da WEB)

Inoltre visite guidate che permettono di visitare le celle del carcere (di cui furono ospiti tra l'altro  anche Cellini e Cagliostro) ed il granaio, la cosiddetta "stufetta di Clemente VII", in pratica un piccolo bagno turco che il Papa si era fatto costruire per la cura del proprio corpo e di percorrere buona parte del "Passetto di Borgo", passaggio sopra le mure che consentiva ai pontefici di passare dai loro appartamenti in Vaticano al Castello senza essere visti, e che fu più volte utilizzatocome via di fuga in caso di pericolo. Da vedere.

9 commenti:

  1. Io adoro questo posto ma quest'anno non potrò andarci purtroppo... non posso camminare così tanto e tutto in salita poi e scale e scale...
    ma hai ragione!
    E' un posto magico.
    Io preferisco la musica irlandese e adoro "i connemara"... che per fortuna quest'anno non ci sono!!

    Mi piace tanto sedermi sui scalini del cortile dell'angelo ed ascoltare la musica... così un po' selvaggia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bè no, se hai problemi al ginocchio il Castello non è proprio adatto, con tutte le sue scale ... Però concordo, è un luogo magico ... Poi quando sto lì in giro non posso fare a meno di pensare al finale de La Tosca ... bello e straziante

      Elimina
  2. Roma offre tantissimo da quel punto di vista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. di certo più di quanto ognuno di noi riesce a cogliere, ma spesso non riusciamo ad apprezzarlo

      Elimina
  3. Un'altra delle infinite perle di Roma :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già ... e pensare che poteva rifursi come il Mausoleo di Augusto, poco distante, che dopo essere stato usato come cava di materiali, come vigneto, come arena per la corrida dei tori, come teatro, come ospizio per vecchie signore indigenti e come sala per concerti, continua ad essere off-limits per il normale cittadino

      Elimina
  4. a volte lo colgono di più i turisti, noi abbiamo l'occhio abituato alle meraviglie, e non ci facciamo più caso, se siamo distratti. io no, io tento ogni giorno, o anche in diverse occasioni fine-settimanali, di conoscere di più, più approfonditamente, e sempre più posti di questa meravigliosa città in cui abbiamo la fortuna di abitare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già ... e c'è sempre qualcosa da scoprire

      Elimina
  5. l'hai letto il libro di augias, sui "segreti di roma"...? magari è una buona lettura per le vacanze..

    RispondiElimina