giovedì 27 giugno 2013

du gust is megl che one?

Prendo spunto dal post di Ele   (da cui ho copiato il titolo, ma solo quello, quindi niente accuse di plagio, please, che entrambi dobbiamo dei crediti alla pubblicità del Maxibon Motta) per pormi un interrogativo. Se due gusti sono meglio di uno, allora avere due "amori" (lo scrivo in minuscolo perchè ritengo che possano esistere anche diversi amori contemporanei, ma che in un certo istante possa esistere un solo Amore) è meglio che averne uno solo? Visto che è praticamente  impossibile che una persona possa darci tutto, ma proprio tutto, quello che desideriamo, e lo stesso vale per noi nei confronti di qualunque altra persona, perchè fermarsi ad uno?

Ovviamente sto omettendo di considerare una qualunque "complicazione" legata alla presenza dei figli e non mi sto ponendo il problema "etico" legato alla reciproca conoscenza della esistenza di altri amori. Insomma, in un mondo "diverso", non si vivrebbe meglio con due (o più) amori invece che con uno solo?

23 commenti:

  1. A me piacerebbe avere due uomini anzichè uno... però insieme.
    Cioè entrambi dovrebbero sapere e magari vivere tutti insieme.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma se poi ognuno di loro volesse due donne? e così via? diventa una comune! :-)

      Elimina
    2. perchè no... fico!! ...senza gelosie, però...

      Elimina
    3. ma infatti temo sarebbe quello il problema :-(

      Elimina
    4. mi piace, concordo..con leggere..

      Elimina
    5. ... ma tra il dire ed il fare ... :-)

      Elimina
  2. così pieno di esperienza come sei, avrai già sperimentato no, caro old ?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, ho sperimentato. E si, per me due è meglio di uno (ma non meglio di Uno)

      Elimina
  3. Io ho la mia regola: nel momento in cui c'è "uno" e poi si comincia a provare interesse per "due" allora "uno" non era "UNO" ma solo "uno" qualunque.
    Certo, spesso, poi, ci si rende conto che "due" non era nemmeno lui "UNO" e allora ci si ritrova a dover ricominciare da capo.
    Nel mentre si cerca "UNO" non vedo perché vietarsi "uno" e "due".
    Il problema si pone solo quando dopo "due" si rivela per quello che è, ovvero "due" e si realizza che "uno" in realtà era "UNO" e che probabilmente ormai è troppo tardi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non distinguere uno da UNO mi sembra un errore che è giusto pagare caro! E comunque secondo me finchè esiste UNO non si può neanche immaginare che possa esistere un due, le due condizioni sono mutuamente escludenti :-)

      Elimina
  4. Du gust is megl che one?Dipende. Se sono due gusti. Spesso la vita è come il maxi bon: fuori sembra che uno sia tenero e caldo come il biscotto al cacao e l'altro croccante e stuzzicante come la copertura al cioccolato e granella,ma sotto sotto son entrambi stracciatella.
    Ps: plagio?tranquillo non potrei accusarti di plagio,l'argomento è quello,il titolo anche,ma so che ci son argomenti che piacciono a entrambi,non a caso commento molto i tuoi post:-)E poi, tu sai sviscerarli,affrontarli e affrontarli da prospettive ben più interessanti delle mie..(ok,ora annamose a magnà 'sto gelato da Torcè,niente stracciatella please!! Io adoro il cioccolato zenzero e limone - o era lime?- )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vuoidire che a volte è solo apparenza? ... può darsi :-)

      Elimina
    2. No,che a volte da fuori sembrano due cose diverse ma poi stringi stringi son uguali. Se esistesse l'Uno, al quale non credo, forse il gusto sarebbe diverso e quindi manderesti all'aria tutti gli altri gelati.E il maxibon proprio non ti interessa. Ma io non credo all'Uno..

      Elimina
    3. io all'Uno credo ... solo che difficilmente resta Uno per tutta la vita!

      Elimina
  5. Ma per carità signore iddio. Scritto minuscolo per rispetto ai credenti.
    E chi ce la farebbe a sopportarne due?
    Meglio tre. Gatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo qualche anno fa' , avrei giudicato il tuo pensiero inconcepibile..almeno per me..ora dico.. che potrebbe succedere e che potrebbe essere anche piacevole. :) concordo con definirli amori, con la minuscola...però, ecco.occorre destrezza ed "easyta' " nel gestire la cosa, tenendo conto degli "imprevisti" si sa..le emozioni ed i sentimenti vanno per la loro strada :)

      Elimina
    2. @elenamaria: mai dire mai :-)

      Elimina
    3. @Annastella: è vero, c'è sempre il rischio che la situazione sfugga di mano, ma secondo me questo rischio non dovrebbe essere tale da impedire perfino di provarci

      Elimina
  6. ma...è proprio esaltante mettersi con UNO o UNA e poi desiderare sopra ogni cosa di avere un'avventura con uno o una ?? tenendo ben salda la posizione, i piedi in due scarpe ?? è proprio così che la vita ha gusto, solo così ??

    non sono una moralista, registro che molti la vivono così, e forse io stessa ho inseguito un sogno per la maggior parte della vita...ma oggi mi domando cosa ci sarà mai poi di così esaltante...se la vita insieme possa essere sostenuta solo in vista di ulteriori avventure ed esperienze...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per quella che è la mia visione, se si incontra UNO o UNA, tutto il resto non conta e non si ha nessuna esigenza di avere avventure (parlo per me ovviamente ... tra l'altro io non ho mai avuto "avventure").

      Il problema è se quel UNO o UNA ad un certo punto diventano "semplicemente" uno o una. Oppure il problema esiste se sista con uno o una ...

      Secondo me la vita ha gusto se la si vive bene, il come dipende da ognuno di noi, è molto soggettivo. Ed allora perchè non si pèuò viverla meglio con du egusti piuttosto che con uno solo?

      Elimina
  7. sì infatti ognuno farà così come gli viene meglio.
    però se UNO o UNA diventano semplicemente uno e una, si cambierà.
    del resto avere i piedi in diverse scarpe vuol dire non vivere in fondo nessun rapporto. non profondamente come si vive con UNO o UNA, ma una pluralità di esperienze con uni e une che in fondo non so che gusto diano... è come il consumismo, avere tante cose e non provarne il gusto.
    beh così la penso io.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ho mai negato, come potrei, l'unicità di quello ceh può dare UNO o UNA, ma se quell'UNO non c'è ... o non ci può essere (o se quell'UNO diventa uno non è detto che si possa cambiare come si cambiano unn paio di scarpe vecchie) perchè limitarsi a uno? è quello il senso della domanda. uno + due non fa certo UNO ... però secondo me è meglio di un semplice uno ed a volte chi si accontenta ... :-)

      Elimina