mercoledì 10 aprile 2013

Villa Farnesina

A via della Lungara, subito fuori porta Settimiana, si trova la cosiddetta Villa Farnesina, sede della prestigiosa Accademia dei Lincei ma soprattutto una testimonianza della ricchezza del Rinascimento italiano a Roma. La villa è soprattutto  famosa per ospitare affreschi di Raffaello e della sua scuola, ma forse proprio questa caratteristica rischia di offuscare altre sue bellezze e peculiarità.

A cominciare dalle capacità artistiche dell''architetto che la progettò e la realizzo, Baldassarre Peruzzi, cui si devono anche alcuni affreschi (in particolare quelli della cosiddetta Camera delle Prospettive che ci consegna squarci del panorama romano di quei tempi)



passando poi al committente, Agostino Chigi che era un ricco banchiere che godeva dei favori di Papa Giulio II e che, grazie a ciò, potè permettersi lui, non nobile, di usufruire dei servizi di Raffaello, Sabastiano del Piombo, Giulio Romano e di  Giovanni Bazzi (meglio noto come Il Sodoma ... ma non è un riferimento ai suoi comportamenti sessuali, che anzi pare fossero molto morigerati).

Notevole la cosiddetta Loggia di  Psiche, dove fu celebrato il matrimonio tra Agostino Chigi e la sua cortigiana Francesca Ordeaschi (lui veramente voleva sposare Margherita Gonzaga, ma non essendo nobile la sua mano gli fu negata dalla di lei famiglia),  progettata ma non dipinta (pare) da Raffaello


Mentre del grande artista è la Galatea che dà il nome all'altra loggia famosa della villa. Si dice che Raffaello in quel periodo fosse nel pieno della sua storia d'amore con la famosa fornarina,che abitava a pochi passi dalla villa,  per cui trascurasse i suoi doveri lavorativi per godere delle sue grazie


La villa è solo parzialmente visitabile, e gran parte delle stanze è tutt'ora chiusa ed in restauro, ma le due logge ed alcune altre stanze giustificano la visita.Tra l'altro, in occasione delle aperture straordinari domenicali, si può anche assistere a brevi ma interessanti concerti di musica rinascimentale.

In chiusura due curiosità, la prima sul nome, Villa Farnesina e non Villa Chigi, perchè alla morte di Agostino gli eredi dilapidarono il patrimonio e la villa fu poi comprata da Alessandro Farnese prendendo il nome della casata(pare addirittura che i Farnese avessero in progetto di construire un ponte sul Tevere per unire questa villa al loro Palazzo Farnese). La seconda, abbastanza incredibile, è che i giardini della villa nascondevano un millenario segreto, rivelato solo grazie a scavi effettuati alla fine del '800 per la costruzione degli argini del tevere, una ricca Domus romana, pare costruita in occasione delle nozze di Giulia maggiore (figlia di Augusto) e Marco Vipsanio Agrippa, con stupendi affreschi ottimamente conservati che si possono ora ammirare al Museo Nazionale di Palazzo Massimo. Peccato che sia stato possibile riportare alla luce solo la porzione di villa su cui, nei secoli, non si era edificato. Il resto è sotto Villa Farnesina ed i palazzi limitrofi, è lì rimarrà, inesplorato.

10 commenti:

  1. Sotto tutto quello che si vede a Roma c'è di tutto e di più dell'antica Roma. Praticamente sotto le cantine dei nostri palazzi del centro c'è un'intera città.

    Questa Villa è molto bella e la Loggia lascia senza parole. Bello anche l'affresco che interessa i segni zodiacali che tanto andavano di moda allora.

    E' sicuramente un posto non molto conosciuto ma da vedere.

    Di fronte, o meglio a poca distanza c'è l'orto botanico e la casa internazionale delle donne, se proprio si vuole passare una giornata "fuori porta"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, l'orto botanico è pochi passi prima, la casa internazionale delle donne poco dopo ma i maschietti non sono ben accetti (anche se mi pare che ora possano accedere al ristorante).

      In mezzo, proprio di fronte alla villa, c'è Palazzo Corsini che ospita una pregevole collezione di dipinti, principalmente datati tra il XIV ed il XVIII secolo, con opere di Beato Angelico, Rubens, Murillo, Luca Giordano.

      Elimina
    2. ricordo che l'ipotesi di questo fantomatico ponte sul tevere che collegava le due ville mi fece uno strano effetto tra la meraviglia e il sogno... fantomatico davvero se avessero potuto!!!

      Elimina
    3. se guardi sulla piantina di roma si vede che i due complessi sono proprio uno di fronte all'altro. Ma evidentemente fu troppo anche per i Farnese :-)

      Elimina
  2. Che bello poter visitare posti così ricchi di storie e di fascino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè ... non è che dalle parti tue, anche a leggere il tuo blog, non ve ne siano ... peccato non abbiano inventato il teletrasporto

      Elimina
  3. Questa della domus romana non la sapevo! Grazie!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli affreschi della cosiddetta Casa della Farnesina sono quelli che si possono ammirare all'ultimo piano di Palazzo Massimo, dove hanno ricostruito i locali nelle dimensioni originali ricreando gli ambienti della casa.

      Un'altra di quelle cose che non ci si stancherebbe mai di ammirare

      Elimina
  4. meravigliosa ! l'ho visitata l'anno scorso, veramente da stupire !! quel salone dove si trova la Galatea di Raffaello poi..!! con quegli affreschi che danno il segno zodiacale del committente, a saper leggere le costellazioni rappresentate nel momento della sua nascita !!! nella stessa giornata vidi anche Palazzo Corsini, quella ospitata è una parte della Galleria di arte antica di Roma, contiene molti capolavori !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se tu leggessi con più attenzione i commenti :-), il riferimento a Palazzo corsini lo avevo già fatto rispondendo a Leggerevolare :-)

      Elimina