domenica 24 febbraio 2013

Romeo, Giulietta e le tenebre

Mi è capitato tra le mani, dopo tanto tempo, questo romanzo breve dello scrittore Jan Otcenasek che racconta  la fragile storia d'amore tra una ragazza ebrea ed uno studente ceco nei giorni delle persecuzioni naziste.

A suo modo è un racconto emozionante, che alterna momenti romantici ad altri che descrivono dettagliatamente un triste contesto di soprusi e di morte.


Le "tenebre" del titolo del libro richiamano ovviamente il buio in cui la crudeltà del regime nazista cercarono di schiaccire l'umanità, non riuscendo però a distruggere il valore di un amore, che richiama anche nella sua drammaticità, un parallelo tra Esther e Paolo ed i più famosi amanti della letteratura. Una storia che si svolge per lo più in una semplice stanzetta in cui Esther viene nascosta da Paolo, e che diventa un cubo magico fuori dal tempo, le cui pareti si trasformano in paesaggi da sogno, più forti della tormenta di odio che infuri a tutto intorno.

"Cosa sarà dopo?" Cosa rispondere? Ci sono mille possibilità. Forse. E forse nemmeno una. e tutto è solamente - forse!

4 commenti:

  1. mamma mia... deve essere una storia bellissima da leggere... ma sull'argomento ho dato tampo ultimamente e ho bisogno di una pausa...

    RispondiElimina
  2. bella non lo so, sicuramente interessante. Io lo avevoi letto tanto tempo fa, è saltato fuori da un mucchio di libri che avevo messo in angolo e mi è piaciuto rileggerlo.

    Tra l'altro credo che sia fuori qualunque catalogo, quindi difficile recuperarlo se non in qualche biblioteca pubblica

    RispondiElimina
  3. Molto interessante:-)peccato sia fuori commercio..magari lo scovo in qualche mercatino:-)Ogni tanto bisogna riprendere in mano i vecchi libri..

    RispondiElimina
  4. se ci riesci vedrai ne resterai soddisfatta

    RispondiElimina