martedì 12 febbraio 2013

Poliamoria

Alzi la mano chi ha  mai sentito parlare di poliamore e poliamoria. Io ne avevo sentito parlare molti anni fa (guarda caso sulla rete) e la cosa mi aveva lasciato perplesso. Anche se con il tempo ho capito che si possono provare sentimenti forti, sia pure "diversi", verso più persone, in alternativa ad un amore profondo e assoluto, perchè un amore profondo e assoluto non lascia spazio ad altro.

La pratica, che in Italia è sconosciuta ai più ma va molto di moda in America, è stata spiegata da una allegra 'triade' ai microfoni de 'Le Iene' domenica sera.

La triade è composta da due ragazzi e una ragazza: il loro è un rapporto amoroso a tre, esente da gelosia, che li ha portati a formare una vera e propria famiglia anti-convenzionale. I tre vivono infatti sotto lo stesso tetto e condividono anche il letto. I tre non condividono proprio tutto il sesso lo vivono separatamente e non in trio. E' la donna della coppia a dividersi fra i due (anche se amette che volentieri farebbe l'amore con entrambe contemporaneamente). Insomma è lei il collante del trio.

Tra l'altro a  loro non basta neanche questa relazione a tre, dal momento che dichiarano candidamente di avere altre relazioni al di fuori del trio e di essere  pronti ad accogliere anche un quarto membro nella loro famiglia.

Ma sarà una storia vera?

39 commenti:

  1. sì questi sono i sogni di intere generazioni di uomini...

    sono eccezioni rare. purtuttavia potresti trovartici in una situazione del genere...cercando si trova.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. francamente non credo che quella descritta sia una situazione sognata da intere generazioni di uomini. Anzi, avere più uomini da gestire credo sia più un sogno delle donne.

      Noi al limite desideriamo un harem (solo nei sogni, però) :-)

      Elimina
  2. pratica sconosciuta ? e le comunità hippies ?? sei troppo giovane per ricordartene ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. al limite sono troppo vecchio :-), ma quelle erano comuni, gruppi molto allargati e poco strutturati.

      Elimina
    2. sì è vero. non si limitavano ad una coppia allargata come questa...però c'era un film, non si intitolava Jules et Jim ?

      Elimina
    3. sai che ne ho sentito parlare ma non l'ho visto?

      Elimina
  3. C'è un sito anzi due.,in italiano. Ci son libri in italiano e non,uno scaricabile in pdf gratuito.
    Trio?Esiste anche la famiglia a 4 (2 uomini e 2 donne) con tanto di figli. Io ne ho sentito parlare e più che altro mi sembrava la versione "rimasterizzata"della poligamia. In realtá non implica necessariamente legami forti,a quanto ho letto. E occorre indubbiamente una certa propensione,benchè la poliamoria non sia una identitá. Inutile dire che la prima cosa che ho letto è stato un articolo su come gestire la gelosia. E non l'ho ancora capito....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh ... la gelosia è una cosa difficile da gestire per moltissimi ...non capisco perchè

      Elimina
  4. Per me sarebbe una grandissima fatica :)
    Comunque non veda niente di nuovo, praticamente è la coppia aperta degli anni settanta che non ha mai avuto successo. Finiva sempre in grandi disastri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però vedi, in questo caso specifico non si tratta di una coppia aperta, ma proprio di un trio.

      Secondo me sono equilibri delicatissimi, ma anche l'equilibrio di coppia è in genere molto delicato, quindi ...

      Elimina
  5. Passerò per tradizionalista, ma mi sembra una stupidaggine riassumibile in: faccio sesso con chi voglio, ma ho i miei amichetti preferiti con cui posso programmarlo. Per carità liberi di farlo: sono adulti consenzienti e vaccinati, ma in genere queste forme di "amore" non mi pare abbiano una lunga vita. È già difficile riuscire a far funzionare un rapporto serio a due, figuriamoci quando c'è più gente in camera da letto che al mercato.
    Non credo che ci riuscirei, ma va be' io detesto perfino i trombamici, per cui non è che sia una grande novità. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nello specifico però in camera da letto sono sempre in due (etero). Anzi lei dice che quando entrambi la desiderano, le basta proporlo di farlo in tre per spegnere ogni ardore :-).

      Poi secondo me bisogna capitarci per capire cosa vuol dire veramente, perchè in certi contesti la teoria può essere molto diversa dalla pratica

      Elimina
    2. Il fatto che siano etero o meno mi pare secondario; a questi rapporti a tre io non credo, ma è una mia opinione.

      Elimina
    3. io preferisco non esprimermi, ho visto cose che voi umani :-) ... quindi, perchè no?

      Elimina
  6. Concordo col principe...che tra l'altro ha giustamente messo tra virgolette "amore"..perchè è un pò improprio in effetti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già, in questo la lingua italiana non aiuta, prevede amicizia o amore, ma amore è un termine un pò generico e racchiude troppe cose

      Elimina
  7. Cioè fammi capire: questa ne deve sopportare due?
    Ma io vado a stringerle la mano! U.U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Shaina, forse in due riescono a sopportarla mentre da soli non ce la farebbero ... questione di punti di vista!

      Elimina
    2. Ele .... c'è poco da ghignare .... :-)

      Elimina
  8. Mah....vero può essere anche vero, ma non chiamiamolo amore.....si chiama "vivere come dei Bonobo" che fanno sesso di gruppo, vere e proprie orgie a scopo ricreativo e non riproduttivo in sostanza.
    Che possa piacere ad alcuni (o a molti) e che possa essere una cosa verosimile dal momento che l'uomo è un animale mi sta bene, ma non bestemmierei chiamandolo AMORE.
    Morbidi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh beh...Morbidi...i bonobo fanno sesso per piacere e per socializzare...e vivaddio lo facciam anche noi:-) Chiamarlo amore è improprio..ma dipende..noi abbiam un solo termine..i greci erano un tantino più precisi..In effetti non saprei come chiamarlo...poliandria e poliginia?

      Elimina
    2. tu escludi che due uomini possano amare, riamati, la stessa donna? perchèp di questo si stratta nel caso specifico

      Elimina
    3. Ele, niente paroloni per favore, non ho fatto il classico!

      Elimina
    4. Beh oddio....io non faccio sesso per socializzare e nemmeno sesso di gruppo quindi no, non mi comporto proprio come un bonobo (o forse si, ma solo per il fatto che anche loro lo fanno spesso guardandosi in faccia)....probabilmente mi perdo qualcosa però io sono per la coppia chiusa eheh.
      no...due uomini possono amare la stessa donna, ma non assieme....voglio dire uno dei due se la piglia, l'altro no....e viceversa...
      Questo, ovviamente, rimane solo il mio punto di vista dettato dal fatto che io non potrei mai dividere il mio uomo con un'altra donna....NON ESISTE!
      Morbidi.

      Elimina
    5. questa è la tua visione, ed in quanto tua valida per te e rispettabilissima. Però ti suggerirei (lo so che è un discorso che alla tua età - beata te :-) - è difficile anche solo prendere in considerazione) di prendere atto che amare ed essere amati non vuol dire possedere, e di chiederti cosa succederebbe se l'uomo che tu desideri più di ogni altra cosa al mondo, ti dicesse che non può essere completamente tuo ... rinunceresti al tuo sogno, oppure ... ? :-)

      Elimina
  9. caspita, ma questi sono proprio originalissimi... :-)

    RispondiElimina
  10. Commenterò con coscienza più in la.
    Intanto ti servo il mio schiaffo morale..sono stalker!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sei stalker in che senso? Non apprezzo gli stalker, non pe run giudizio morale, ma perchè esserlo vuol dire tormentare un'altra persona, e questa non è più libertà se va a limitare la libertà altrui

      Elimina
    2. Niente era una semplice battuta sul nome che hanno nel mio blog i "seguaci"..
      Mi sa che non è riuscita a scavalcare il muro dell'ironia!

      Elimina
    3. capito :-) ... non avevo colto, ed il termine, poichè conosco persone che sono state vittime di episodi di stalking, non mi piace ... ma nell'ambito di un blog ne capisco il senso ironico del termine. Libera di fare la stalker ... ma solo in quel senso :-)

      Elimina
  11. Sì è una storia vera. Conosco i ragazzi e presto andrò a trovarli.
    Mi permetto di dissentire sul tuo concetto di amore assoluto e profondo che "non lascia spazio ad altro". Sebbene durante le fasi iniziali dell' innamoramento si senta proprio di non volere altro che la persona che si ha di fronte, si tratta di uno stato temporaneo, dovuto a particolari reazioni chimiche del cervello, che poco o niente ha a che vedere con l'amore o l'impegno delle relazioni a lungo termine.
    Vivo da tre anni con un ragazzo che amo, come dici tu, in "modo assoluto e profondo". Darei la vita per lui, ma questo non mi ha impedito di iniziare altre due relazioni, ovviamente alla luce del sole, e nel mio caso particolare, uno degli "altri" due partner è anch' esso in una relazione d' amore con il ragazzo con cui vivo.
    Siamo anche noi una triade, con la differenza che ci capita di vivere il sesso anche tutti e tre insieme, e se non siamo andati a vivere insieme è per questioni puramente logistiche, ma a perte questo, siamo sicuri di volerci essere l'una per l'altro... per l'altro.
    In più da circa nove mesi ho avuto la fortuna di incontrare un'altra persona, che era già in rapporti di amicizia con gli altri due miei partner. Non ci diamo divieti e anxi, io personalmente sono contenta per i miei partner se riescono a intrecciare relazioni con persone nuove.
    Trovo personalmente un po' offensivo che, solo perché non si riesce a capire la felicità altrui, la si consideri "finta" o "meno profonda" o "inferiore" del modo di amare più comune.
    Apostrofare come "moda" un modo di vovere così complesso e sfaccettato, che, come ogni scelta che si discosti dalla norma sociale, richiede un certo grado di consapevolezza interiore, di coraggio per lottare per il proprio diritto di amare, e di organizzazione per soddisfare le esigenze di formazioni relazionali spesso molto più complicate della coppia classica, è un po' troppo irrispettoso.
    Non si sceglie di mettersi contro un' intera società (ricordiamo che in USA non sono messi meglio di noi, quanto a bigottismo religioso) per "moda".
    Inoltre, per aver apertamente dichiarato di appartenere a questa "moda", mi sono state fatte avances non gradite in diversi ambienti di lavoro, e dopo il mio rifiuto, "misteriosamente" poi il contratto non mi veniva rinnovato. (Giusto per sfatare anche il mito comune che "se va con due uomini, andrà anche con tutti gli altri".)
    Per favore cercate di informarvi prima di scrivere su argomenti così delicati. Siamo persone anche noi.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi scuso per i typo: parte* anzi* vivere*

      Elimina
    2. no comment per i pessimi commenti e le battutine "È già difficile riuscire a far funzionare un rapporto serio a due, figuriamoci quando c'è più gente in camera da letto che al mercato."
      Sono chiaramente persone terrorizzate dal diverso e dal nuovo, e mi fanno un po' pena.
      spero vivamente che a chi lo ha scritto capiti di fare amicizia con qualcuno di mentalità un po' più aperta della sua, così magari verrà influenzato positivamente e sarà in grado di provare un po' più di rispetto per chi è diverso da lui, con il tempo e tanto tanto impegno.

      Elimina
    3. Siamo nel campo delle opinioni, io ho sempre sostenuto la tesi del "basta che funzioni", quindi lungi da me criticare scelte di vita diverse.

      Tra l'altro, non ho purtroppo difficoltà a credere che la tua scelta ti abbia portato dei problemi, come tutte le scelte non convenzionali (qualunque cosa questo voglia dire) anche in altri ambiti.

      Mi riesce difficile, ma è un problema mio, o meglio la proiezione della mia visione dell'amore, che se incontri la persona "perfetta" , questo non basti a riempirti ogni spazio di fatto saturando il tuo bisogno o desiderio di amore. Poi si può discutere su quale sia la probabilità di trovare questa persona perfetta, e che tale resti nel tempo, ovviamente.

      Esistono poi delle difficoltà pratiche che intravedo, quando non si è più giovanissimi, legate ai figli per esempio, o ai reciproci diritti e doveri che si hanno in una qualsiasi convivenza e che, nel vostro caso (che se capisco bene non è la "semplice" coppia aperta) sarebbero distribuiti secondo regole da definire.

      E comunque mi pare che nessuno abbia detto che non siete persone esattamente come noi, forse anche più felici, no? :-)

      Elimina
    4. Però, Bea Kat, quelle battute sono appunto battute, non siamo in un tribunale nè in un dibattito televisivo, ed ammetterai che la storia è molto particolare. Tra l'altro, chi l'ha pronunciata conosce sulla propria pelle cosa vuol dire diversità, quindi eviterei di polemizzare.

      E in fondo, proprio perchè già un rapporto a due è difficile da gestire, secondo me è indubbio che uno a tre è ancora più delicato, non fosse altro che per una mera questione di entropia

      Elimina
    5. ohhhhh finalmente!!!!... Bea Kat sei stata una ventata di aria pura e fresca in questo mare magnum di banalità che mi sono imposto di leggere fino a quando ho incontrato il tuo post e mi sono fermato. Sarà perchè attualmente faccio parte di una triade poly anch'io e quindi mi sono riconosciuto in pieno nei concetti che hai esposto. Una sola precisazione. Spuò certo parlare di amore si ma da non molto è stato creato dalla comunità poly un neologismo che sec. me può descrivere molto bene un certo rapporto sentimentale all'interno della triade: la COMPERSIONE, ovvero uno stato di gioia empatica che si prova quando una persona che amiamo è felice con un suo altro partner. La Compersione è una sotto categoria dell'empatia ma specifica delle relazioni poly e della gioia data dal vederfe il partner in relazione o intimità con un'altra persona (definizioni non mie ma prese dalla com. poly ita)

      Elimina
  12. Mah..ho già detto che non ne so nulla e benchè in rete si trovi qualche info,penso che viverlo sia sicuramente diverso. Dal di fuori si può dir quel che si pensa e quel che si pensa in merito al vivere in prima persona determinate situazioni,incomprensibili e indubbiamente particolari(nel senso che non son una cosa comune). Lungi da me il giudicare la vita altrui. Capisco come certe battute possano essere lette come offese. Ma sai,Bea, io credo che da persona poliamorosa puoi,più che risentirti, dare la tua testimonianza,come hai fatto. Perchè quantomeno aiuta ad avere uno spaccato di una realtà che non si conosce.:-) Uno spaccato perchè ritengo che perfino ogni relazione poliamorosa sia a sè e difficilmente generalizzabile.Il poliamore,per chi come me, non lo vive o ha vissuto o,semplicemente,non è "portato"a viverlo,è facilmente assimilabile a tutti gli esempi che hai letto nei commenti. Poligamia,di fatto vuol dire avere più legami e non solo più rapporti sessuali.Quindi poliamore e poligamia potrebbero confondersi,per esempio.Essere capaci di amare più persone non è un qualcosa da disprezzare,anzi. Io,però,da profana e "monoamorosa" ritengo che si amino le persone,ogni persona,in modo diverso.Perchè diverso è il rapporto che si ha con ognuna,è inevitabile.Perfino l'amore materno ha intensità e gradazione diversa per ogni figlio.Benchè sembri assurdo. Allora,l'amore assoluto,condivido,non esiste,perchè ogni sentimento verso una persona non può essere assoluto. Sull'esclusività penso sia una questione di educazione,molta,ma anche di personalità.Come hai detto tu stessa,dopo l'innamoramento subentra altro,sia nei rapporti monogamici che nei rapporti poligamici o nei rapporti poliamorosi. E stranamente,mi vien da dire,visto che sempre di persone e di rapporti con persone stiam parlando,che così come è un qualcosa che va affrontato nei rapporti a due,così va affrontato nei rapporti a tre quattro o cinque o sei o quel che vuoi.Ora,se mi riferisco al "sentimento",dopo l'innamoramento c'è un altro tipo di sentimento,chiamalo affetto,chiamalo tenerezza,chiamalo amore di serie b,come vuoi,ma c'è un sentimento che lega..oddio lega è brutto..che ti fa voler stare con un'altra persona o più persone contemporaneamente. Ora,io non credo,da monoamorosa,che sia facile da gestire con più persone,perchè per me è difficile da gestire già con una.Ma per me,appunto.Questo non vuol dire che lo sia per voi. E penso,nella mia ignoranza che,per esempio,la coppia aperta,solo sessualmente aperta, di per sè non aiuti a star insieme alla persona che costituisce il partner principale o convenzionale.Nel poliamore,da quel che ho letto e capito,invece il rapporto non è incentrato sull'aprirsi solo sessualmente ad altri ma anche affettivamente. Come dire, dare amore a più persone,perchè l'ottica,la direzione di senso del poliamore è un amore altruistico e un dare senza voler ricevere.Allora,vista la tua esperienza,puoi aiutarci a capire come funziona:-)Discorso contorto..il mio ehehehehe...Scusa Old per il commento lunghissimo:-P

    RispondiElimina