martedì 29 gennaio 2013

Un autobus di nome Priscilla

Nel 1994  il regista australiano Stephan Elliot girò un film, "Priscilla la regina del deserto",  che narra la storia di due drag queen ed una transessuale che partono da Sidney alla volta di Alice Springs, nel bel mezzo dell'Australia, per esibirsi nel Casinò di proprietà della ex-moglie di una delle due drag queen, utilizzando un  vecchio autobus che viene da loro pomposamente ribattezzato Priscilla, e vivendo tutta una serie di avventure e vicissitudini durante il viaggio
Il film ha una stupenda colonna sonora, piena  di successi degli anni '80, ed è diventato nel 2006 un musical tutt'ora in scena in diverse nazioni.

(immagine presa dal WEB)
Finalmente questa produzione è arrivata anche in Italia e, dopo Milano, da pochi giorni è a Roma. Spettacolo di ottimo livello che non sfigura assolutamente, secondo chi l'aveva già visto a Londra,   rispetto alla versione inglese tutt'ora in programmazione nella capitale del Regno Unito.

In effetti lo spettacolo è affascinante e coinvolgente, gli interpreti, tutti, si dimostrano all'altezza, le musiche sono quelle originali (fortunatamente non hanno pensato a tradurre le canzoni, come purtroppo hanno fatto a suo tempo per Mamma Mia!). Insomma, due ore piene di battute folgoranti, costumi da urlo e canzoni (rigorosamente eseguite dal vivo con tanto di orchestra) che ormai sono nella storia della musica moderna. Assolutamente da non perdere!

6 commenti:

  1. Tradurre è un'arte..alle volte però ci si dimentica che non tutto è trasponibile in un'altra lingua ( volare..in tedesco..sarebbe orrendo..). Vedo se su internet trovo qualcosa..mi interessa questo autobus..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a mio avviso tradurre i successi degli Abba, in quel caso, è stata una follia. Su youtube di certo trovi sia il film che spezzoni del musical. A me è piaciuto!

      Elimina
  2. Risposte
    1. sul "da non perdere"? Si, secondo me è proprio ben fatto, un bel musica con ottimi interpreti, come quelli che si possono vedere a Londra (dove però il biglietto costa di più e devi anche spendere i soldi per il volo :-))

      Elimina
  3. A me i musical...mi annoiano.
    Sì non ho tanta pazienza a stare ad ascoltare tutte le parole delle
    canzoni...
    Mi piacque Jesus Christ comunque..pure se atea.
    Ho delle perplessità ora ad andare a vedere Les Misérables per dirti...e sì che sono convinta che mi piacerebbe...
    No, stavolta Priscilla la salto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non hai amato il film da cui il musical è tratto, se non hai amato le hit degli anni '80 quali: Shake Your Groove Thing, I will survive, Don't Leave Me This Way, Like a Virgin o non ami "Follie! Delirio vano è questo! Sempre libera" da La traviata ... che dire ... fai bene a saltarlo ... anche perchè in questo caso il musical è all'80% cantato in lungua originale (inglese) e solo per il restante 20% recitato in italiano.

      D'altronde non si va al Musical Mamma Mia! se non piacciono gli Abba :-)

      Elimina