lunedì 21 gennaio 2013

Follie invernali

In questi giorni fa freddo e spesso piove, tempo ideale per starsene a casa al caldo, in compagnia di un bel libro (si, lo so,  ci potrebbero essere anche altre piacevoli compagnie ... ma ognuno ha la compagnia che si merita). L'ultima cosa che ad una persona normale verrebbe in mente credo sarebbe di andare a fare un bagno nel mare, o peggio nel lago.

E' per questo che io, non essendo di certo una persona normale (pur non essendo, come da citazione cinefila , "un certo A. B. qualcosa ...") mi sono alzato presto la mattina e mi sono avventurato sulle rive di un lago, per poi immergermi nelle acque invero agitate, freddine, dello stesso. Ovviamente c'è un trucco in tutto ciò: in compagnia di altre persone ugualmente non proprio normali, volevo provare una muta particolare, e quella era una giornata ideale per farlo. Prova perfettamente riuscita, dopo aver passato una ventina di minuti a -10 metri, girovagando per il fondo del lago, sono riemerso e, a parte il braccio sinistro un pò umido, perfettamente asciutto e neanche troppo infreddolito (testa e mani escluse, ovviamente), come faceva James Bond in un suo vecchio film.

Resta un dubbio che non so chiarire: a meno di doverlo fare per lavoro (o di voler fare, per una volta, una esperienza ... mistica), perchè mai uno dovrebbe immergersi per diletto in condizioni così avverse? 

4 commenti:

  1. ..per follia..l'hai detto tu:-)
    Io col freddo..brrr..non potrei mai! Ho la vescica labile..ehehehehe ahhhhh l'età...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tra l'altro :-), a proposito di vescica, uno dei problemi di questa muta è che, così come non fa entrare l'acqua, impedisce ai liquidi di uscire, per cui se non ci pensa prima può essere un bel problema :-(

      Elimina
    2. brrrr...non fa per me!! Io a certe temperature la vescica non la reggo!!Eheheh

      Elimina
    3. Guarda che si sta caldi, comunque ... certo però può sempre scappare a prescindere :-(

      Elimina