mercoledì 21 novembre 2012

Essere o non essere

Si, lo so, sembra la più classica citazione da Shakespeare, to be or not to be, che nasconde l'eterno conflitto tra l'accettare la realtà con fare distaccato o lottare (forse inutilmente) per cambiarla. Ma la citazione è solo una scusa per riflettere su una domanda leggermente diversa, più personale, meno elevata: esserci  o non esserci? Può capitare di entrare nelle vite degli altri, e di temere di essere come un elefante in un negozio di cristalli: per quanto si possa sforzare l'elefante di muoversi con leggerezza,  nella sua natura, nella sua mole, nella sua goffezza di movimenti è insito l'alto rischio che rompa qualcosa, che faccia danni. Ma ormai in quella vita ci sei entrato, e non ne puoi uscire così come niente fosse (ed in fondo uscirne ti costerebbe tantissimo), allora stai fermo, e se proprio non puoi stare fermo cerchi di fare dei movimenti impercettibili, millimetrici, cercando di non rompere niente. E sei sospeso così nel dubbio infinito ... senza riuscire a trovare una risposta convincente.

12 commenti:

  1. Non lo so, se sono stata o sono un elefante, puo' essere, anzi sicuramente. So per certo che sono stata e sono il negozio di cristalli.:( .a volte, per non esser distrutta ulteriormente, e' necessario far uscire l'elefante dal negozio. A Mali estremi.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, farlo uscire, ma con molta attenzione, perchè già uscendo può fare danni :-)

      Elimina
    2. Il problema e' che uno degli elefanti proprio. Non vuole uscire dal negozio, ed in fondo come potrebbe? Non ho aperto del tutto. La porta. Aahhhhhhh

      Elimina
    3. un elefante può anche passare attraverso la porta chiusa, potrebbe addirittura fare meno danni, così!

      Elimina
  2. "Ma ormai in quella vita ci sei entrato, e non ne puoi uscire così come niente fosse (ed in fondo uscirne ti costerebbe tantissimo)".E alla vita in cui sei entrato?Costerebbe?Esserci,alle volte,con tutto quel che comporta,è sempre meglio che non esserci o non esserci stato.E comunque,indietro non si torna. Sei entrato nel negozio di cristalli e puoi stare fermo,o puoi uscirne. Non cancellerà il fatto che tu ci sia entrato.E anche questo,pensi,non avrà comunque degli effetti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, infatti era quello il senso del mio "non ne puoi uscire come niente fosse", era rivolto al fatto ch enon si può cancellare l'evento

      Elimina
    2. Non puoi cancellare l'evento,per te e per la vita nella quale entri.L'hai comunque cambiata,non trovi?

      Elimina
  3. No no... la risposta c'è... se si entra nella vita di qualcuno bisogna esserci, totalmente. poi eventualmente sarà la persona nella cui vita siamo entrati che ti darà capire qual è il limite da non oltrepassare...
    ma esserci, bisogna esserci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vorrei avere sempre le stesse certezze. Secondo me l'ideale è che decidere se e come esserci sia una scelta condivisa. Ma non sempre è possibile, ed a volte bisogna avere il coraggio di scegliere da soli, anche per l'altra persona. E spesso non c'è una scelta migliore ...

      Elimina