mercoledì 21 novembre 2012

Ergastolo

Io sono da sempre dell'idea che il carcere dovrebbe aiutare a capire i propri errori ed a dare la possibiliutà a chi ha sbagliato di avere una seconda opportunità. In quest aottica l'ergastolo, una condanna a vita, mi è sempre apparsa un eccesso.

Eppure, se (come pare, visto che ci sarebbero addirittura  delle registrazioni audio video) l'accusa è fondata, bè non avrei molte remore  a chiudere in una cella, buttando via la chiave, quel cappellano che per anni, approfittando della sua posizione, delle sue funzioni, e della sua quotidiana vicinanza ai detenuti, ha ottenuto favori sessuali dai detenuti in cambio di regali quali  sigarette, shampoo, saponette o spazzolini, piccoli beni per vivere meglio in carcere

10 commenti:

  1. L'ergastolo è,in questi casi,troppo poco. Per chi ha carpito la fiducia,per chi ha usato la debolezza altrui per un qualcosa di inqualificabile,come un abuso,non ho sconti e non ho assoluzioni. E l'ergastolo è il minimo.Son dell'idea che la detenzione debba rieducare,dovrebbe rieducare,per avere un senso.Perchè si possa veramente rimettere al mondo una persona diversa.In senso positivo.Invece,mi sembra che il più delle volte la detenzione non solo educa al peggio,ma diseduca e fa del male,disumanizza invece di umanizzare e consegna al mondo,a fine pena,un uomo diverso,ma tristemente diverso,privato della possibilità di cambiare vita.Privando gli altri,la comunità,di una seconda possibilità.Questo,ovviamente,in tutti quei casi nei quali non annovero gli abusi di qualsiasi tipo e gli infanticidi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, questo abuso di cui si parla, per di più verso persone psicologicamente fragili perchè in condizioni svantaggiate, è veramente terribile, solo un pochino meno gravi degli abusi verso i minori!

      Elimina
  2. io sono una pacifista convinta ma in casi del genere ci vorrebbero pene corporali... e mi fermo qui. e solo perché non vuoi che sul tuo blog si dicano parolacce.. e così mi tarpi le ali! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai comunque reso l'idea. Proprio l'altro giorno guardavo il remake americano di Uomini che odiano le donne (migliore l'originale, secondo me, nonostante Daniel Craig ... motivo per cui immagino che i giudizi femminili in merito siano diversi) e la scena in cui Lisbeth si vendica del suo pseudotutore. Drastica, forse non giustificabile totalmente ma ampiamente comprensibile.

      Elimina
    2. Uno dei motivi,forti,per i quali ho volutamente evitato di vedere il remake americano.(Avevo visto il film originale ed è stata una scena troppo "forte" per me e non volevo riprovare le stesse emozioni.)Uno dei motivi per i quali, quando leggero il romanzo,salterò le pagine in cui vien descritto.Tanto ormai lo so.

      Elimina
    3. capisco. Devo dire che anche scritta la scena è molto forte, così come è molto forte quella in cui è lei a subire :-(.

      Io ho letto l'intere trilogia, i libri sono molto diversi tra di loro, il primo secondo me è il migliore, ma anche il terzo ha un suo fascino

      Elimina
    4. Sì,son due scene che seppur semplicemente scritte,io non riesco a sopportare.Sono "troppo" per me. Abbi pazienza,son strana. La trilogia,nonostante questo,mi interessa e penso che inizierò a leggerla presto.

      Elimina
  3. Sono pure io per le pene corporali...

    RispondiElimina