mercoledì 7 novembre 2012

Dice che a Salerno ...

... in pieno centro storico, in quella che fino a pochi decenni fa era una zona malfamata ed evitata da tutti ma ora portata a nuova vita, c'è la Chiesa di San Pietro a Corte.


(Immagine presa dal WEB)

La  costruzione che ospita la chiesa pare si debba al Duca di Benevento  Arechi II che alla fine del VIII secolo, dopo aver assunto il titolo di Princeps gentis langobardorum,  spostò per motivi strategici la sua sede da Benevento a Salerno. Utilizzata  come sala di rappresentanza, divene poi sede della Scuola Medica Salernitana, quindi tra il XII e il XIV secolo vi fu creata una cappella dedicata al culto mariano, prima di essere chiusa e lasciata andare in rovina.  Ma conserva tutt'ora elementi architettonici originali con bifore e monofore., ed anche un pregevole soffitto dipinto (di epoca ben più tarda).

(Immagine presa dal WEB)

La chiesa venne eretta sui resti di un complesso termale del I-II secolo (più precisamente sul frigidarium di una costruzione ben più ampia)  che oggi, grazie agli scavi eseguiti, è visibile e visitabile ben sotto il livello stadale. Lo stesso frigidarium nel IV-V secolo divenne un sepolcreto per ricche famiglie cristiane di Salerno e resti di diverse sepolture, con  lapidi indicanti i nomi dei defunti sono state rinvenute durante gli scavi.


(Immagine presa dal WEB)

Quando alla fine del VIII secolo venne eretta l'attuale costruzione, il frigidarium venne utilizzato come fondamenta e vi fu ricavato una oratorio che presenta pitture del XII secolo.


(Immagine presa dal WEB)

Visitarlo vuol dire percorrere quasi 2000 anni di storia, dai romani ai giorni d'oggi, ed è una visita assolutamente coinvolgente nonostante  molti elementi del complesso siano stati dal tempo e dall'incuria danneggiati o perduti. Una bella opera di recupero di uno dei tanti  gioielli nascosti delle città italiane.

4 commenti:

  1. Adoro questi monumenti del tempo e della storia passata. Peccato siano spesso lasciati decadere.

    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la ricchezza di capolavori nascosti, in Italia, è unica. Forse ne abbiamo troppi!

      Elimina
  2. Molto interessante...insomma..c'è ancora tanto che devo vedere:-)Meno male che segnali qualcosa tu.Peccato che il palazzo sia stato costruito proprio a ridosso del campanile..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Campanile che era più alto ma che è poi affondato a causa del suo stesso peso. Quelle case sono state costruite sui resti stessi della residenza di Arechi II, se si guarda la facciata si intravedono resti della antica costruzione :-(

      Elimina