giovedì 11 ottobre 2012

Piscina - 2

L'acqua può far paura, essere vista come un pericolo. Ma l'acqua può anche essere una amica accogliente. In fondo, prima di nascere passiamo nove mesi immersi in un liquido. Poi ne siamo strappati via e lo dimentichiamo.

A me piace stare in acqua, anzi a me piace soprattutto stare sotto l'acqua, in mare soprattutto,  maanche in piscina. Certo, in piscina non c'è niente da vedere, solo le mattonelle che ne lastricano il fondo, eppure è piacevole scendere giù, nella zona più profonda, lasciarci scivolare fino a quando i piedi non toccano per terra, e rimanere così semisospesi, per una volta quasi senza peso. E muoversi lentamente , mentre il rumore ti arriva ovattato, attenuato, e sei solo con te stesso, con i tuoi pensieri, isolato dal resto del mondo che è a soli pochi metri di distanza da te. Un isolamento fisico molto più piacevole dell'isolamento mentale che a volte (o forse spesso) si prova stando tra la gente, forse perchè per una volta è un isolamento volontario. 

E resto lì il più a lungo possibile, finchè il corpo non ha consumato quasi tutto l'ossigeno accumulato nei polmoni, e comincia ad inviarmi messaggi di pericolo. Solo allora alzo gli occhi verso la superficie e lentamente risalgo, fino a riemergere dall'abbraccio di questa amica silenziosa.

5 commenti:

  1. mi hai fatto pensare che si può notare non solo nell'acqua...

    RispondiElimina
  2. Cavolicchi..bel post...sembrava quasi di star in piscina...(finchè non m'è preso il panico e ho dovuto smettere di immaginare..).Scherzi a parte.."stare in ammollo" a me piace..e posso anche arrivare a star in acqua fin a sotto il mento..ma oltrepassato quel confine..soffoco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bè, ai felini in generale stare sott'acqua non piace, e vedo che ti sei trasformata appunto in ... pantera? sembri bagheera del libro della jungla :-)

      Elimina