martedì 2 ottobre 2012

Donne e cibo

Sempre durante la manifestazione Taste of Rome di cui ho parlato pochi giorni fa, osservando in un momendto di pausa gli altri frequentatori dell'evento, non ho potuto fare a meno di notare una significativa differenza tra gli uomini e le donne presenti. Gli uomini, nella maggior parte dei casi, rivelavano già nel loro fisico, non proprio esile, l'amore per il buon cibo, le donne invece, erano per lo più magre, diverse al limite dell'anoressia, anche quelle che sembravano mangiare tanto e di gusto. E allora mi chiedo se ci sia una qualche correlazione tra l'essere amante della enogastronomia ed essere donna magra, e non ho una risposta. Però poi penso ad alcune foodblogger che conosco, tutte con un fisico invidiabile a cominciare dalla mitica cavolettodibruxelles che, nonostante un figlio, è di una magrezza sconcertante, ad altre donne che circolano della food blogsfera, per finire con una curatrice di una guida gastronomica (non una delle più famose ma comunque abbastanza diffusa), che pur effettuando di persona moltissime "ispezioni" ai ristoranti ogni anno è altrettanto magra, e mi dico che una correlazione deve pur esserci.

28 commenti:

  1. Si..come la compagna di SAw ..può. Abbuffarsi un giorno..e far digiuno fino a collassare. nei giorni seguenti. Cattivissmo rapporto con il cibo, anche se lei nega . son poche coloro che per fisico..son magre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me è un mistero, sarà che non sono nè donna nè magro

      Elimina
    2. in realtà il mangiare alcuni giorni della settimana (senza abbuffarsi -perché l'abbuffata, oltre che una parola abusata, indica uno specifico comportamento col cibo; non mi dilungo) ma con gusto e senza limiti e calorie e poi, i giorni successivi, fare una dieta serrata (che significa un simil digiuno) è provato che non produce effetti malvagi sul metabolismo e soprattutto non sottopone allo stress mentale tipico delle diete a calorie che poi fanno si che spesso si riprendano i kg persi.

      A dispetto di quel che dicono gli "esperti" i rapporto col cibo, delle donne soprattutto, è delicato e difficile. Ognuno può e deve cercare il proprio equilibrio. L'idea che alcuni cibi siano vietati, che saltare dei pasti sia il male estremo, che si debbano usare 3 cucchiaini d'olio al dì, sono tutte idiozie dette a voce troppo alta.

      Elimina
    3. davvero? ed io che (invano) mi sono sottoposto alle più assurde torture di quel tipo :-(

      Elimina
    4. tempo fa ho letto di uno studio condotto simultaneamente con due gruppi di 5 donne. Il primo gruppo era sottoposto a una dieta ipocalorica (1200 calorie). Perdevano peso ma al termine del trattamento riacquistavano dei kg. L'altro gruppo di donne invece faceva per due giorni a settimana una dieta da fame (800 calorie mi sembra, forse meno) e il resto poteva mangiare liberamente. Ovviamente, nemmeno a dirlo, erano tutte donne SENZA DISTURBI ALIMENTARI (non si abbuffavano, non vomitavano ecc). Il secondo gruppo perdeva i kg senza riacquistarli. L'articolo spiegava che mentre il primo gruppo era sottoposto allo stress della rinuncia e al termine si rifaceva sul cibo, il secondo gruppo non aveva privazioni così serrate e quindi, al termine, riusciva a non riprendere peso e a mangiare solo e sempre fino a sazietà.

      Elimina
    5. ogni cosa per far bene deve piacere e deve essere vissuta positivamente. In questa ottica perfino, che so, una frustata può far bene! :-)

      Elimina
  2. Invidiaaaa...io ingrasso al solo guardare..e non dimagrisco neppure col digiuno :-( uff.. Beh puó essere questione di metabolismo oppure mangian solo in quelle occasioni..và a sapere. Molte food blogger fotografano i piatti ma non li mangiano..altri.eh..fortunate...invidia invidia invidia....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se fosse così ... altro che invidia, invidiona!

      Elimina
    2. A vent'anni potevo mangiar tanto e di tutto senza metter su neppure un etto...ahhh...com'è dura la vita dopo una certa età....

      Elimina
    3. e dopo due certe età? :-(

      Elimina
    4. ...doppiamente dura..:-)..massù..dai..se vuoi ti dò il nome di una badante ucraina molto forte...cucina anche bene!:-)

      Elimina
    5. non deve solo cucinare bene, deve anche essere essere avvenente :-), amant edel gelato, della buona musica e dell'arte ... sono esigente, lo so!

      Elimina
    6. Ma Old..non son un pó troppi requisiti..per una badante? Comunque..se vuoi fisso un appuntamento e vedi di farle tutte le domande del caso..

      Elimina
    7. dici che sono troppo esigente? però dai, almeno fammi sognare :-) ... in fondo sognare, anche un pochino, non fa male (anche se poi si torna alla dura realtà della vita)

      Elimina
  3. direi che la correlazione sta nel fatto che chi sa amare il cibo, molto spesso, sa anche godersi il giusto. Il cibo è una cosa buona finché il troppo non la rende una cosa cattiva. Amare il buon gusto è qualcosa di diverso dal mangiare come sfogo e trasformare quindi il cibo da semplice piacere a mezzo sostitutivo di tante cose. Insomma, spesso ingrassare non ha molto a che fare con l'amare il cibo.

    Per gli uomini non lo so come sia, ma infondo io non sono né uomo né magra :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però se mangi giorno e sera primo secodno e contorno vedi come lieviti, anche se non eccedi.

      Posso credere che tu non sia uomo, ma che tu non sia magra ... mah, spero che tu abbia le curve giuste al posto giusto (si scherza eh, benarrivata)

      Elimina
    2. niente di niente invece, nemmeno mi posso consolare sulle forme giuste. Sono la rara brutta senza giustificazioni. Ma sarà una dote anche la bruttezza rara?

      :)

      Elimina
    3. ogni cosa rara è una dote ... comunque tranquilla, neanche io ho le curve giuste al posto giusto!

      Elimina
  4. Bel finale,Lorenzella:D mi associo;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nel senso che anche tu non sei nè uomo nè magra?

      Che poi mentre sulla definizione di uomo (almeno dal punto di vista biologico) ci sono pochi dubbi, sul magra ... bè, toccherebbe definire cosa vuol dire magra :-)

      Elimina
    2. Yes!! ...........:) certo, il concetto varia da donna a donna....e da uomo a uomo..,naturellement... per Saw.., una donna che indossa la taglia 44 o a stento una 46 e' grassa! ò-ò per me una 44 e' una donna magra, una 46 inizia ad essere curvy.., ma per certi e' gia' over size......grazie! se il paragone e' con la taglia 36!! :(

      Elimina
    3. io preferisco la 42-44 (anche se poi come ho detto più volte mi interessa molto più il contenuto che il contenitore, specie alla mi aveneranda età), mi sembra invece che il tuo apprezzamento vada più per la 46-48.

      36 ? no grazie, mi farei male ad abbracciare solo delle ossa!

      Comunqu e ... de gustibus ... :-)

      Elimina
    4. Annacosa, devo dirti una cosa: adoro il termine curvy :)

      Elimina
    5. *ovviamente Annastella. Scusami, ho scritto di fretta il tuo nome pensando a quello che dovevo scrivere ("devo dirti una cosa") e ho fatto un pastrocchio :)

      saluti a tutti :)

      Elimina
    6. ... cose di donne ... :-)

      Elimina
  5. L'essere in forma passa per la mente prima ancora che per il cibo... è lì che si deve eventualemnte guarire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se vuoi dire che tutto passa per il cervello, nel bene e nel male, non posso che darti ragione

      Elimina