giovedì 4 ottobre 2012

Concerti e vita reale

Non sono mai stato un fan di un cantante (se per fan ci si riconduce alla originne della parola, dall'inglese: fanatic). Ci sono stati, e ci sono ovviamente, canzoni che mi piacciono, ci sono stati, e ci sono, cantanti di cui apprezzo le qualità e le capacità artistiche. A volte perfino quelle umane. Ma alla fine li considero per quello che sono: persone esattamente come noi, cui la vita ha dato un dono e che questo dono hanno saputo sfruttare.

I concerti cui sono andato si possono contare sulle dita delle mani, anzi di una mano se escludo quegli eventi popolari in cui non c'era un solo artista, ma tanti artisti riuniti per celebrare un determinato avvenimento.   Ed in genere ci sono andato per accompagnare qualcuno: un concerto di Renato Zero in un teatro tenda quando corteggiavo una sorcina (se non sbaglio sto parlando del 1980 o giù di lì), un concerto di Ligabue allo stadio Olimpico per accompagnare mio figlio 14enne al suo primo concerto, e poco più.

Però mi dispiace di non essere mai riuscito ad andare al concerto di uno degli artisti che stimo di più, e del quale ieri sera, spulciando nel mare magnum del WEB, ho trovato questa dichiarazione che mi ha particolarmente colpito, tanto da decidere di riportarla qui integralmente:

Io tutte le sere, quando finisce un concerto, vorrei rivolgermi alla gente e dir loro  "tutto quello che avete ascoltato fino ad adesso  è assolutamente falso, così come sono assolutamente veri i sentimenti e gli ideali che mi hanno portato a scrivere e cantare queste canzoni. Ma con gli ideali e con i sentimenti si costruiscono delle realtà sognate. La realtà, quella vera, è quella che ci aspetta fuori dalla porta del teatro e per modificarla, se vogliamo modificarla, c'è bisogno di gesti concreti, reali."
 

10 commenti:

  1. Sì..cioè..con i soli ideali si fa ben poco..Ma spinti da un ideale si può anche far molto.Ovviamente mi riferisco agli ideali positivi. Io non sono una "fanatica"..non arriverei a strapparmi i capelli se riuscissi a sfiorare Bono Vox..Sarebbe,se non altro,un modo per togliermi la "curiosità".Son andata a pochi concerti..gli ultimi: Roger Waters e U2..(ho la memoria labile..).Il primo a Berlino..completamente diverso da quello milanese della band irlandese...nel secondo,ovvio,mi son..come dire.."mossa un bel pò"..:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ultimoc oncerto credo proprio quello di Ligabue a Roma, stadio olimpico, giugno 2001 o 2002

      Elimina
    2. si ... anche se un pò da ggiovani come te ed Ele :-)

      Elimina
    3. Si, ma Liga ha pure una certa eta' :D

      Elimina
    4. vero ... ma f afinta di essere ggiovane :-) e ci riesce bene!

      Elimina
  2. non hai scritto chi è questo artista che stimi però

    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chi lo conosce lo sa, e chi non lo conosce ... pazienza!

      Elimina
    2. Considerata la presunta età di Old e considerato l'accenno,nella citazione,a ideali ecc. .... la butto lì e dico De Andrè?Che,dicono,piaccia anche ai ggiovani,ma io non so perchè associo a quelli di una certa età...

      Elimina
    3. Brava ... però non hai vinto niente :-). Anche perchè il gelato che ti volevo offrire si è squagliato da un bel po' di tempo ...

      Elimina