lunedì 27 agosto 2012

Cinquanta sfumature ...

No, non intendo parlare di uno dei "fenomeni" letterari dell'estate, non direttamente almeno. D'altronde, non ho letto la trilogia nè intendo leggerla, in quanto non amo la letteratura erotica. 

Non che sia contrario, semplicemente non mi piace, se devo vivere dei sogni erotici, preferisco di gran lunga i miei che non quelli degli altri (a meno che non siano capolavori letterari, e non mi sembra il caso) Pensavo però che certe esperienze sessuali "estreme" ormai non facessero più scandalo, invece a giudicare dal successo che stanno avendo questi tre libri non è così.

Però mi chiedo, in generale, quanto sia importante l'esperienza in sè, e quanto invece sia importante con chi la si fa. Mi spiego con una metafora: guardare un tramonto in riva al mare è senz'altro una bella cosa da fare, ma farlo avendo accanto una persona con cui c'è un certo grado di intimità e di scambio emotivo (non lo chiamo amore perchè non è detto che debba essere amore, ma qualcosa che gli somigli) è senz'altro meglio. 

Cambiando la domanda: ci sono cose che uno non farebbe mai, cose che farebbe comunque e cose che farebbe solo con determinate persone? 

 P.S:: mi viene in mente che tempo fa avevo trovato in rete un test per valutare il proprio grado di perversione reale. Se lo ritrovo lo pubblico!!!

18 commenti:

  1. Non ricerco la letteratura erotica,ma ho letto qualcosa che da alcuni è considerato tale (eccezion fatta per L'amante, della Duras,che secondo me non può essere considerata un'opera di letteratura erotica). E forse cambia il "come"ci si accosta alla letteratura erotica..e al genere di letteratura erotica..per questo mi dico che seppur non sia il mio genere preferito,non lo rifuggo,perchè ho letto stralci di opere ben fatte,ben scritte,che apprezzerei se non altro per lo stile e le immagini che riesce a evocare.La letteratura erotica spicciola non piace neanche a me,preferisco i miei sogni:-)Leggevo qualche mese fa un articolo credo su Io Donna del Corriere o su D di Repubblica,non ricordo bene,scritto dalla Melissa P. di "cento colpi di spazzola",in merito al puritanesimo italiano.Sembra, a suo dire,che noi italiani siamo molto "bigotti"nel pubblico,salvo poi nel privato sbizzarrirci,senza però ammetterlo per una sorta di pudore italico che porta alcuni ad etichettare come persone di dubbia moralità chi pratica certe forme di sessualità.Che sia così?Che sia per questo che,ogni volta che si parla di sesso,in Italia, ci si stupisce e si grida allo scandalo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io infatti distinguo tra libri erotici, ch enon mi interessano, e letteratura (un bel libro è un bel libro, a prescindere dal tema)

      Melissa l'ho conosciuta, è una che vive in maniera abbastanza "sregolata" e che ha ben chiara la differenza tutt aitalica tra vizi private e pubbliche virtù. E' la solita ipocrisia che vediamo ovunque (ricordiquel politico UDC tutto casa e chieda che poi si consolava a roma con festini a base di sesso e di droga?)

      Io non dico che uno debba per forza mettere in piazza i suoi gusti sessuali, ma un minimo di coerenza nel non criticare in pubblico gli altri per ciò che nel privato si fa in prima persona ci vorrebbe

      Elimina
    2. Ti dirò quando ho letto quel libro,molto pubblicizzato per lo scandalo,a me ha trasmesso solo molta tristezza. Non so,forse sbagliando,io non mi fermavo a quel che leggevo esplicitamente..
      Sì,la solita ipocrisia frutto di paure e timori e desiderio di non essere etichettato come diverso o depravato..Il fatto è che la nostra cultura è così e quindi alle volte provo a capire chi si nasconde quasi morbosamente dagli untori..Però,come hai ben detto tu,non si deve criticare l'altro..come dire..non guardare la pagliuzza nell'occhio dell'altro..

      Elimina
  2. M'ero dimenticata la seconda parte del post :-) Mah,non so..io non sono una che ha fatto chissà quali esperienze..e non posso non chiedermi se è per una sorta di predisposizione mia o se è perchè m'è mancata la persona giusta con la quale provare..Forse entrambe le cose.Ci sono state cose che, da "piccola" ho detto non avrei mai fatto e invece ho fatto e mi son anche piaciute. Per questo quel che oggi penso di non fare,quasi categoricamente, è passibile di essere riveduto..forse..col tempo.Però ci sono cose che io reputo "estreme" e che non riesco proprio ad associare con un qualcosa di piacevole e allora non so..dubito che possano essere rivedibili.Poi,sì,ci sono cose che farei comunque.A prescindere dalla persona.Cavolicchi..vado a spulciare il tuo test..:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in realtà in quel test ci sono alcune cose (poche) che non farei perchè non le considero lecite, alcune che non posso più fare :-(, e poche che ancora vorrei fare ma temo resteranno nella mia personale "wish list"

      Elimina
    2. ..l'ho fatto e cvd..sono una quasi purissima...ma cavolicchi quel test misura quel che s'è fatto..non quel che si potrebbe voler fare...è un pò parziale..uff :-( Altrimenti altro che suora..al massimo Monaca di Monza!hihihihih..In quel test ci sono cose che vorrei fare ma non posso..altre che vorrei fare a prescindere..altre ancora che non vorrei fare a prescindere e altre che non farei perchè non le considero compatibili con il mio senso di rispetto per l'altro (far del male non è una cosa che farei..).

      Elimina
  3. La saga non l'ho letta, ..avrei voluto.., ma si vocifera sia na' ciofeca! :) i romanzi, racconti erotici.. perche' no,..a patto che non siano simil pornazzo,..poi,...vabbe'.., la cosa dipende dai gusti...come i film di Tinto Brass! ...ovvio che le cose "proprie" son sempre le meglio,..come la mamma che cucina..!
    Per quel che riguarda le esperienze , credo ( per me) sia importante con chi.....non credo necessariamente possa essere il compagno/a marito.., moglie etc...anzi.., forse sono i poco adatti , a volte....magari il marito t'ha conosciuto "suora" e poi gli piglia un colpo se ti dovesse vede' con la frusta e la tutina simil fetish :) ma questo , ovviamente e' un mio pensiero. eppoi, si.., ci son cose che non farei mai., pero' mai dire mai e' il mio motto......BOH....evvabbe'.., PER ORA dico no :)
    ciauzz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti non volevo pubblicizzare quei libri, che concordo (per quanto ne so) non sono letteratura eccelsa. Interessante questa tua visione sul "con chi", in effetti probabilmente ci sono cose che NON è il caso di fare con il proprio compagno per svariati motivi.

      Ricordo una volta, in una coppia di cui io conoscevo bene il marito, una coppia diciamo abbastanza "aperta", la moglie volle fare delle esperienze di un certo tipo e pretese di farle senza di lui perchè, diceva, la sua presenza non le avrebbe eprmesso di viverle completamente come desiderava.

      Però non ci girare intornoe vai a fare il test :-)

      Elimina
    2. La teoria del farlo ma non col partner è una cosa che fino a diciamo 6 o 7 anni fa non mi sfiorava proprio.Non la concepivo. Poi boh,ritengo che ci son cose che preferirei farle con altre persone,meglio se non le conosco affatto.Per assurdo che possa sembrare,mi sentirei più libera..Ma se provo a pensare a come ci son arrivata a questa conclusione non saprei..

      Elimina
    3. eppure è esattamente la posizione di quella tipa (devo dire che il mio amico ha avuto qaulche difficoltà a digerirla)

      Elimina
    4. Mah.., a che pro dirlo? cioe'...se non si fa con il compagno/marito etc..perche' dirlo? ..."ciao caro , volevo dirti che ho una fantasia e voglio attuarla, ma non con te..." ( idem per la donna..) ( io, se me lo dicesse mio marito, imiterei Lorena )

      Elimina
    5. bella domanda, posso darti il mio parere perchè, pur conoscendo la tipa, ovviamente dell'argomento con lei non ho mai parlato :-): lei non voleva farlo di nascosto, voleva farlo e in qualche mdoo condividere la sua esperienza, lo vedeva (credo) come un arricchimento della coppia oltre che suo (sull'argomento se ne è già parlato tempo fa in questo blog)

      Elimina
    6. ..oh beh..comprendo lui...sì,ok,non nascondere nulla..però boh..non so..Se provo a immaginarlo su di me..mah..non lo direi..però non riesco a mentirgli e mi sentirei una "fedifraga"....

      Elimina
    7. credo che siano cose sulle quali non si deve esprimere un giudizio, perchè rientra nelle dinamiche di coppia che sono uniche per ogni coppia (quando non sono più di una, per una singola coppia :-))

      Elimina
  4. old.., ho leggiucchiato dal telefono, stamattina , al mare ( si stava una meravigliaaaaaaaaaaa ) beh praticametne uscirei non suora ma AMISH! :) VABBE'..,si puo' sempre recuperare,...la vita ti da' sempre occasioni di..........recupero! per ora, son rimandata a settembre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però dai ... dicci il valore ottenuto. Non mi dire 100 che non ci credo!!! :-)

      Elimina
  5. Mi sono procurata le 50 sfumature per curiosità ma non ho ancora iniziato la lettura. Preferisco comunque il mio "stile" e il mio uomo per metterlo in pratica.

    Un abbraccione

    RispondiElimina