giovedì 12 luglio 2012

Minetti

No, non ho intenzione di parlare di Nicole Minetti, consigliera regionale della Lombardia ed intima amica dell'ex Presidente del Consiglio, coinvolta nel caso Ruby, e tornata alla ribalta perchè vittima di una truffa da parte del titolare di una palestra che, secondo quello che dicono i giornali, avrebbe intascato da lei, e da altri VIP, i soldi di iscrizione e abbonamento annuale per poi fuggire con il denaro.

Voglio parlare di Annalisa Minetti, cantante vincitrice di un Sanremo nel lontano 1999, rimasta famosa per la sua partecipazione a Miss Italia e, purtroppo,  per essere una bella ragazza a cui  era stata diagnosticata una  retitinite pigmentosa e la degenerazione maculare. La notizia è che Annalisa Minetti parteciperà alle prossime Paraolimpiadi di Londra a fine agosto (le paraolimpiadi si disputano subito dopo le Olimpiadi) gareggiando nel mezzofondo dove, nella sua categoria, è stata anche Campionessa Italiana.  E pensavo a due ragazze, accomunate dallo stesso cognome, che si sono fatte strada nella vita in maniera molto diversa.

8 commenti:

  1. il guaio è che a nominar "Minetti"ora si ricordano tutti e solo la prima e non la seconda..peccato.Spero che alle paraolimpiadi si faccia valere:-)Io le olimpiadi le attendo per vedere Pistorius e le paraolimpiadi per vedere la forza e la determinazione di tutti gli altri:-)

    RispondiElimina
  2. da quello che si legge in giro, ha ottime possibilità di vincere una medaglia. Come il figlio di un mio caro amico,anche lui selezionato per le paraolimpiadi

    RispondiElimina
  3. E santa Minetti vuole vincire tutto! Ok miss italia, lo scandaloso sanremo (mi dispiace ma Busi all'epoca aveva ragione) ora anche le paraolimpiadi? Aspè mi pare che avesse partecipato anche ad un reality.
    Insomma non voglio essere cattiva, però ci sono milioni di ciechi (la parola non vedente mi urta, come mi urta operatore ecologico al posto di spazzino o fantasia al posto di bastardo, o uomo di colore al posto di negro/nero). che fanno lavori normali e non alla rabalta lei deve invece in ogni modo prevalere / farsi notare.

    Fosse mica il vizio delle Minetti?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, però almeno nello sport (stiamo parlando di corsa, quindi sport vero) non si possono sfruttare altre cose, chi va più forte vince

      Elimina
  4. hai ragione. In ogni caso le paraolimpiadi sono fighissime.
    io amo quelle invernali però, quando vedo venire giù con gli sci i ciechi resto sempre a bocca aperta davanti alla tivvì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella si, hai ragione, ha dell'incredibile. Poi, come ho già detto, c'è il figlio di un mio amico che proprio garzie allo sport ha trovato una sua strada fino ad andare alle Paraolimpiadi di Pechino, ed adesso a quelle di Londra

      Elimina