martedì 10 luglio 2012

Buone notizie ...

Pare che nel 2011 in Italia  siano stati "solo" 920 i morti sul lavoro, poco meno di 3 al giorno. E 725.000 gli infortuni suò òavoro (quindi circa 2000 al giorno, feste comprese). La buona notizia è che sono in calo sia le morti che gli infortunii. La cattiva notizia è che, ovviamente, questi  numeri non posso considerare i circa 3.000.000 di lavoratori in nero che ci sono on Italia, per i quali non sono disponibili, non possono essere disponibili, dati significativi

14 commenti:

  1. ma soprattutto questi dati sono messi in relazione con la percentuale di disoccupazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. disoccupazione? ma Pier, è tutta colpa dei giovani che non sanno inventarsi imprenditori di se stessi, ancora non l'hai capito?

      Elimina
  2. Adesso diranno che la disoccupazione serve a tenerci in vita..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu lo dici per scherzo, lo so, ma non vorrei che qualche solone ti rubasse l'idea ...

      Elimina
  3. non c'entra molto col post... ma.... per caso hai cambiato castel del monte con l'animale che hai dovuto accudire e che volevi restasse segreto? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. solo perchè finalmente ha mangiatro!!!!

      Elimina
  4. Si.., l'avevo sentita al tg, mi pare........una ""buona notizia " in mezzo alle catastrofi......e..al figlio di Balotelli.....:-(
    che dire, ? hai ragione,....il lavoro in nero..purtroppo e' una relta'.., come anche la disoccupazione giovanile......ma poi senti la cameriera, che dice al boss che no, il venerdi' ed il sabato NON VUOLE lavorare, meglio i giorni "normali" !!! e ti casca un mondo!
    caspiterina .so' scema io che lavoro anche la domenica??? non ho capito una cippalippa ! :-/ scusa dello sfogo!
    ps mi son autocensurata, perche' avevo scritto parolacce, ma so che non le ami! eheheeheh ciauzz

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Annastella, no, non sei scema, sei solo una persona con la testa sulle spalle. e purtroppo ce ne sono poche

      Elimina
    2. magari la camieriera il sabato e la domenica fa altri "lavori"...và a sapere...Tra gli esodati,quelli che un lavoro non ce l'hanno,ci sarei anche io.Ma forse neppure quello,visto che io un lavoro che durasse più di 12 mesi non l'ho avuto da tempo immemore...:-( Il lavoro in nero?Alle volte è necessità,spesso è una furbata,che ruba lavoro a chi ha bisogno..

      Elimina
    3. @Ele: tu sei troppo giovane per essere una esodata ... sei "semplicemente" una disoccupata o sotto occupata

      Sul lavoro nero ci sono due grosse categorie:

      1. quelli che o così o non lavori (vedi l'edilizia)

      2. quelli che lo fanno per scelta (non pagare le tasse, incompatibilità con il loro vero lavoro)

      Il primo è figlio della necessità, il secondo della furbizia (poi ci sono quelli che vengono sfruttati, sottopagati, assunti part time e costretti a lavorare full time, ecc.) :-(

      Elimina
    4. no old,non sono tanto giovane,ho più di trent'anni e per giunta sono donna.Questo vuol dire che quasi sicuramente trovare un lavoro che sia lavoro non è difficile,è impossibile.E dir che ne ho fatti di lavori(anche in nero e in campagna..).nell'edilizia,ahimè devo smentirti,lì il lavoro nero è solo quello degli immigrati,il resto lavora in nero per evadere le tasse e rimanere in cassa integrazione o mobilità...Mio fratello è uno di quelli che è assunto part time ma lavora full,per uno stipendio che non arriva neppure ai mille euro..compresa la parte in nero che sarebbero 50 euro in più..una bella prospettiva.Old,insomma,non sarò esodata,perchè,in effetti,io non son uscita dal mondo del lavoro.Non ci sono mai entrata nel vero senso della parola.E non sai quanto mi fa rabbia sapere che se fossi emigrata o rimasta nel Paese europeo più ricco,dove sono nata,ora avrei un lavoro,parlerei tre lingue tranquillamente e una stabilità oltre a uno stipendio più che dignitoso.Sono incassata nera e ahimè è tardi,sono troppo vecchia.. :-(

      Elimina
    5. @Ele: su una cosa devo smentirti, l'itali aè un caso a parte, ma fuori dall'italia non saresti affatto considerata vecchia. Certo, dovresti fare una scelta difficile, ed evidentemente con vantaggi che non compenserebbero gli svantaggi, ora che ti sei radicata nel territorio abruzzese :-).

      Però non si può mai dire, l avita a volte ha in serbo anche sorprese positive, no? :-)

      Elimina
  5. Fortunatamente c'è stato questo calo, dovuto anche al minor numero di lavoratori regolari però.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Kylie: infatti mi chiedo se, sommando il lavoro regolare con quello nero, la riduzione ci sarebbe effettivamente, perchè non credo che siano state messe in atto delle azioni migliorative, nell'ultimo anno, per salvaguardare i lavoratori

      Elimina