giovedì 7 giugno 2012

I Gattopardi

Il Gattopardo è un libro che ho amato, ed anche il film,  nonostante la necessità di sintetizzare la storia, l'ho apprezzato. 

Apprezzo molto meno, invece, il fatto che in politica si continua  cambiare (o a far finta di cambiare) per non cambiare niente:
  • ieri il senato ha negato l'arresto per il senatore De Gregorio e c'è chi sussurra che sia stata l'ala della ex-margherita del PD a far pendere la bilancia da quella parte, per ottenere poi la stessa cosa per Lusi
  • sempre ieri sono stati nominati i membri della Agenzia della Comunicazioni (Agicom) e dell'Authority per la Privacy, ancora una volta mettendo in primo piano gli interessi di partito senza neanche far finta di fare valutazioni di merito
  • ancora ieri la Lega ha negato la sfiducia  Formigoni, presidente fin troppo chiacchierato per le sue "vacanze" e per oltre un milione di euro donati al suo coinquilino (vero che ha uno stipendi di 80.000, ma appunto dovrebbe aver speso niente nei suoi 15 anni di presidenza, per aver accumulato una tale cifra ... capisco che non si potesse permettere di pagarsi delle vacanze)
  • e tutt'ora sia PD che PDL sembrano fare  a gara per alzare un polverone e poi ... andare a votare con la attuale legge elettorale, il cosidetto Porcellum.
ci sarà prima o poi un vero cambiamento?

6 commenti:

  1. mmm no..se non in peggio.Ognuno pensa ai suoi "porc.."comodi..e come vedi,destra,sinistra,centro,sopra o sotto,son tutti uguali.L'opposizione la "guerra"tra partiti,non si fonda su ideali diversi,no,ma su chi riesce a fregarsene di più della legge e del popolo italiano..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già ... poi c'è chi si chiede perchè il M5S attira scontenti ...

      Elimina
  2. Purtroppo io penso di no. Niente cambiamento. Non dall'interno, quantomeno. Non ho mai creduto ai cambiamenti dall'interno. Dall'interno possono solo marcire, non rinnovarsi.
    Solo un trauma esterno può cambiare le cose. Mi auguro che la crisi sia una buona occasione, ma non sono troppo fiducioso.

    PS. Cioè, la moglie di Vespa! Non ho parole...

    RispondiElimina
  3. Il Gattopardo è uno dei miei libri preferiti. Temo che non si riesca a cambiare nulla in politica, a meno che non li spernacchiamo pubblicamente.

    Un abbraccio e buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però è veramente brutto che questa idea, o se preferisci questo sconforto, sia sempre più diffusa

      Elimina