martedì 20 marzo 2012

Venti metri sotto il lago

No, non è il nuovo libro di Moccia, ma solo la mia ultima esprienza. Perchè si sa, invecchiando si diventa bambini, e ti viene in mente di provare a fare quelle cose che non avevi mai fatto: parapendio, paracdutismo, rafting, ecc.
Ma poichè le capacità fisiche sono quelle che sono, ahimè, alla fine ho scelto almeno un contesto il cui il peso (grazie ad Archinede) non fosse un impedimento, e così mi sono dato alla subacquea. Gradualmente, prima in piscina a 2 metri, poi un pò più in giù, fino ad arrivare a -20 metri nelle fredde acque di un lago laziale. Esperienza impegnativa, perchè sapere di avere un palazzo di acqua sulla testa e di dover contare solo sulla piccola bombola di aria compressa che hai sulle spalle non è proprio rilassante, e di contro il lago non è un posto così ricco di flora e di fauna come il mare. Però è adatto a fare delle prove senza disturbi, senza correnti marine, senza onde, insomma in un ambiente che è quasi una piscina, ma molto profonda.

A questo punto mi sento pronto per immergermi in mare, e anche per puntare ai 30 metri, ma di quello ne parlerò quando sarà!

6 commenti:

  1. ma com'è stato?? che c'è in fondo ad un lago? non ho laghi attorno a me :(

    RispondiElimina
  2. veramente in fondo al lago c'è ben poco, per lo più fango, molte alghe, e qualche piccolo segno di vita animale.

    CIononostante è stato emozionante, perchè ho verificato che ormai sono pronto (spero) per il mare!

    RispondiElimina
  3. Complimenti al coraggio e all'inventiva!

    RispondiElimina
  4. Grazie ... si fa di tutto per far finta di non essere troppo vecchi

    RispondiElimina
  5. Ahhhhhhhh ma allora non sei così vecchio e arrugginito come vuoi farci credere....Io ho paura,una paura tremenda, dell'acqua e i laghi mi piacciono ma non mi sognerei minimamente di entrarci dentro.Quindi: complimenti!! Ora aspetto la prossima mission impossible:-)

    RispondiElimina
  6. Vecchio si, arruginito ... bè, perchè pensi cha abbia scelto ilmare che è meno traumatico di altri sport?

    Ora sto pianificando il mio battesimo del mare, e di certo ve ne renderò partecipi!

    Io invece amo il mare, e l'acqua (non troppo quella del lago, in verità)

    RispondiElimina