lunedì 26 marzo 2012

Un piccolo passo

Rafael, cittadino uruguayano, ha ottenuto il permesso di soggiorno in Italia grazie alla legge che concede il permesso di soggiorno al coniuge extracomunitario di un cittadino italiano. La particolarità del caso è che Rafael è un uomo, che ha sposato un ragazzo italiano in Spagna.

Quando hanno deciso di trasferirsi in Italia, si è posto il problema dello status di extracomunitario  di Rafael (con applicazione della Bossi Fini), che, non essendo il matrimonio spagnolo riconosciuto in Italia, per la legge italiana non ha nessuna parentela con il compagno italiano, per cui la Questura di Reggio Emilia ha respinto la richiesta di permesso di soggiorno. Decisione contro cui è stato presentato un ricorso che il Tribunale ha accolto (con veementi reazioni di alcuni parlamentari un po' "conservatori" che hanno presentato una interpellanza al governo).

La faccenda sembra un po' contorta, ma di fatto  il Tribunale ha solo applicato la norma comunitaria sulla libera circolazione in Europa dei cittadini europei e dei loro familiari, riconoscendo che per la Spagna i due erano una famiglia con uno dei due coniugi europei, e che quindi doveva essere garantita loro la libera circolazione in tutta l'Europa. Ma che fatica ottenere quel piccolo pezzo di carta!

4 commenti:

  1. Insomma, a qualcosa serve l'Europa.

    RispondiElimina
  2. già, serve a costringerci a fare cose che dovrebbero essere normali!

    RispondiElimina
  3. Eh old,ma qui siam in Italia, il normale qui ha un concetto mooooolto diverso:-)

    RispondiElimina
  4. forse è per questo che mi sento ... diverso? :-)

    RispondiElimina