giovedì 29 marzo 2012

La vita è un po' ...

Si dice spesso che il destino è nelle nostre mani, che dipende solo da noi. Poi capita (ed è capitato) che in seguito ad un banale controllo si scopra un male molto più pericoloso, e così ci si rende conto che il destino a volte fa quello che vuole lui, e colpisce alle spalle senza pietà. Poi capita (ed è capitato) che dopo aver lavorato una vita intera ed essersi sacrificati fino a raggiungere la sospirata pensione in cui si pensava di prendersi quelle soddisfazioni personali a lungo rimandate, la vecchia signora con la falce decida di tagliare all'improvviso il filo della vita.

E ci si chiede perchè spesso non riusciamo a goderci ciò che abbiamo, perchè diamo spesso così valore alle cose negative, alle piccole contrarietà della vita, e non valorizziamo il bello (poco o tanto) che la stessa, nella sua finta magnanimità, a volte ci regala.O perchè spesso ci rifiutiamo di donare agli altri un sorriso, un gesto di amicizia, un'opera buona, qualcosa che a noi costerebbe veramente poco ma ci potrebbe arricchire moltissimo.

Tutto questo lo scrivo per ricordare un altro compagno d'infanzia che non c'è più, uno con cui, temporibus illis, avevo condiviso partite a pallone, notti sotto una tenda e piccole avventure, e che all'improvviso è scomparso. Così, come la neve che si scioglie al sole. Si, la vita (consentitemi la parolaccia)  a volte può essere proprio stronza.

4 commenti:

  1. a volte ci imbrutiamo automaticamente senza rendercene conto ... passiamo giorni con il muso a rimuginare su cose che poi in fondo non hanno importanza o non ne hanno cosi tanta... è la vita stessa che ti fa perdere il punto di vista ...
    sta sera abbraccero mia madre cosi senza motivo... per il gusto di regalarmi un attimo di eterno!
    e anche perche ti ho letto !

    RispondiElimina
  2. Sono piccoli gesti che dovremmo fare più spesso, invece di mangiarci il fegato per le contrarietà della vita. E la vivremmo un pò di più, e meglio!

    RispondiElimina
  3. Mi rendo conto che nonostante io mi sforzi di godere di ogni attimo e di ogni piccola cosa,c'è ancora molto che debbo imparare e fare.Non c'è giorno in cui non dica "ti voglio bene" a chi voglio bene,non cerchi di dimostrarlo.Per quanto possa sembrare poco,mi sforzo d'esser sempre sorridente e gentile con tutti,anche quando mi gira storto o son presa da mille ansie e pensieri.Però inesorabilmente, ci rendiamo conto d'aver fatto troppo poco,quando qualcuno a cui teniamo se ne va. La vita è così,ingiusta?Labile?Non so.Però dovremmo ricordarci del fatto che è imprevedibile e per questo cercare di non rimandare e di non dare nulla per scontato.Son parole semplici da dire ma difficili da ricordare e da mettere in pratica.Ps: io non so perchè,forse sarà l'età..ma da qualche anno penso sempre all'inevitabile,a quel genere di inevitabile che fatico a chiamare per nome.Per questo faccio di tutto per non lasciar niente in sospeso e non dar nulla per scontato.Però vorrei non avere anche le ansie e le angosce che mi provoca questo memento drammatico.

    RispondiElimina
  4. e parli a me di età? Quando poi la cosa ti colpisce da vicino è ancora peggio!

    RispondiElimina